3 Dicembre 2021
Expand search form

Che tipo di mercato è il grano?

Quando eri più giovane facevi il babysitter, consegnavi i giornali o tagliavi l’erba per soldi? Se è così, hai affrontato una forte concorrenza da parte di altri concorrenti che offrivano servizi identici. Non c’era nulla che impedisse agli altri di offrire i loro servizi. Tutti voi facevate pagare la “tariffa corrente”. Se cercavate di far pagare di più, i vostri clienti avrebbero semplicemente comprato da qualcun altro. Queste condizioni sono molto simili a quelle che affrontano i coltivatori agricoli.

Figura 1. A seconda della concorrenza e dei prezzi offerti, un coltivatore di grano può scegliere di coltivare una coltura diversa. (Credito: modifica del lavoro di Daniel X. O’Neil/Flickr Creative Commons)

Coltivare una coltura può essere più difficile da avviare di un servizio di babysitter o di taglio del prato, ma i coltivatori affrontano la stessa feroce concorrenza. Nella grande scala dell’agricoltura mondiale, gli agricoltori affrontano la concorrenza di migliaia di altri perché vendono un prodotto identico. Dopo tutto, il grano invernale è grano invernale. Ma è relativamente facile per gli agricoltori lasciare il mercato per un’altra coltura. In questo caso, non vendono la fattoria di famiglia, ma cambiano coltura.

Prendiamo il caso della regione del Midwest superiore degli Stati Uniti – per molte generazioni la zona era chiamata “King Wheat”. Secondo il Servizio Statistico Agricolo Nazionale del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, statistiche per stato, nel 1997, 11,6 milioni di acri di grano e 780.000 acri di mais erano piantati nel Nord Dakota. In questi 15 anni circa è cambiato il mix di colture? Dato che è relativamente facile cambiare le colture, gli agricoltori hanno cambiato ciò che è stato piantato quando sono cambiati i prezzi relativi delle colture? Lo scopriremo alla fine del modulo.

Nel frattempo, consideriamo l’argomento di questo modulo: il mercato perfettamente competitivo. Questo è un mercato in cui l’entrata e l’uscita sono relativamente facili e i concorrenti sono “una dozzina”.

Tutte le imprese devono affrontare due realtà: nessuno è obbligato a comprare i loro prodotti, e anche i clienti che potrebbero volere quei prodotti possono invece comprare da altre imprese. Le aziende che operano in mercati perfettamente competitivi affrontano questa realtà. In questo modulo imparerete come queste aziende prendono decisioni su quanto produrre, quale prezzo applicare, se rimanere in affari o meno, e molte altre. Le industrie differiscono l’una dall’altra in termini di quante imprese ci sono, quanto è facile o difficile per una nuova impresa entrare, e il tipo di prodotti che vengono venduti. Questo viene definito come la struttura del mercato dell’industria. In questo modulo ci concentriamo sulla concorrenza perfetta. Tuttavia, in altri moduli esamineremo altre strutture di mercato, incluso il monopolio, l’oligopolio e la concorrenza monopolistica.

Cos’è la concorrenza perfetta?

Si dice che le imprese sono in concorrenza perfetta quando si verificano le seguenti condizioni: (1) l’industria ha molte imprese e molti clienti; (2) tutte le imprese producono prodotti identici; (3) i venditori e gli acquirenti hanno tutte le informazioni rilevanti per prendere decisioni razionali sul prodotto che viene acquistato e venduto; e (4) le imprese possono entrare ed uscire dal mercato senza alcuna restrizione – in altre parole, c’è libera entrata e uscita nel e dal mercato.

Un’impresa perfettamente competitiva è chiamata prenditore di prezzoperché la pressione delle imprese concorrenti le costringe ad accettare il prezzo di equilibrio prevalente nel mercato. Quando un coltivatore di grano vuole sapere qual è il prezzo di mercato del grano, deve andare al computer o ascoltare la radio per controllare. Il prezzo di mercato è determinato unicamente dalla domanda e dall’offerta nell’intero mercato e non dal singolo agricoltore. Se un’impresa in un mercato perfettamente competitivo aumenta il prezzo del suo prodotto anche solo di un centesimo, perderà tutte le sue vendite a favore dei concorrenti, poiché nessun consumatore razionale pagherebbe un prezzo più alto per un prodotto identico. Le imprese perfettamente competitive, per definizione, sono attori molto piccoli nel mercato complessivo, in modo da poter aumentare o diminuire la produzione senza influenzare sensibilmente la quantità complessiva fornita e il prezzo nel mercato. Poiché possono vendere tutta la produzione che vogliono al prezzo di mercato, non hanno mai un incentivo a offrire un prezzo più basso. Ciò significa che un’impresa perfettamente competitiva affronta una curva di domanda orizzontale al prezzo di mercato, come mostrato nella Figura 1 qui sotto.

Linea che mostra una linea retta orizzontale al prezzo di mercato che è anche la curva di domanda.

Figura 2. Prezzo perfettamente competitivo. Dal momento che un’impresa perfettamente competitiva è così piccola rispetto al mercato che qualsiasi quantità di produzione che fornisce non avrà alcun effetto sul prezzo di mercato, può vendere tutto quello che vuole al prezzo di mercato corrente. In breve, un’impresa perfettamente competitiva affronta una curva di domanda orizzontale al prezzo di mercato.

Un mercato perfettamente competitivo è un estremo ipotetico; tuttavia, i produttori in un certo numero di industrie affrontano molte imprese concorrenti che vendono beni molto simili; di conseguenza, devono spesso agire come acquirenti. Gli economisti spesso usano i mercati agricoli come esempio di concorrenza perfetta. Gli stessi raccolti che diversi agricoltori coltivano sono in gran parte intercambiabili. Secondo i rapporti mensili del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, nel 2015, i coltivatori di mais degli Stati Uniti hanno ricevuto un prezzo medio di 6,00 dollari per bushel. Un coltivatore di mais che avesse tentato di vendere a 7,00 dollari per bushel, non avrebbe trovato alcun acquirente. Un’impresa perfettamente competitiva non venderà nemmeno al di sotto del prezzo di equilibrio. Perché dovrebbero quando possono vendere tutto quello che vogliono al prezzo più alto? Altri esempi di mercati agricoli che operano in mercati quasi perfettamente competitivi sono i piccoli mercati di prodotti su strada e i piccoli agricoltori biologici.

Provalo

LINK IT UP

Questo modulo esamina come le imprese in cerca di profitto decidono quanto produrre in mercati perfettamente competitivi. Tali imprese analizzeranno i loro costi. Nel breve periodo, l’impresa perfettamente competitiva cercherà la quantità di produzione dove i profitti sono più alti o, se i profitti non sono possibili, dove le perdite sono più basse. In questo esempio, il “breve periodo” si riferisce a una situazione in cui le imprese producono con un input fisso e sostengono costi fissi di produzione. (Nel mondo reale, le imprese possono avere molti input fissi).

Nel lungo periodo, le imprese perfettamente competitive reagiranno ai profitti aumentando la produzione. Risponderanno alle perdite riducendo la produzione o uscendo dal mercato. Alla fine, un equilibrio di lungo periodo sarà raggiunto quando nessuna nuova impresa vorrà entrare nel mercato e le imprese esistenti non vorranno lasciare il mercato, poiché i profitti economici sono stati portati a zero.

Prova

Guarda il video

Guarda questo video per una panoramica su come e perché le imprese agiscono come fanno in un mercato perfettamente competitivo. Imparerete i grafici di un’industria perfettamente competitiva e di un’impresa perfettamente competitiva, poi vedrete come le curve di costo sono usate per aiutare a identificare i profitti di un’impresa. Ci immergeremo più a fondo in ognuno di questi concetti nelle pagine che seguono.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Il mercato del grano è monopolistico?

I migliori esempi di un mercato puramente competitivo sono i prodotti agricoli, come mais, grano e soia. La concorrenza monopolistica è molto simile alla concorrenza pura in quanto ci sono molti fornitori e le barriere all’entrata sono basse.

Che tipo di struttura di mercato è l’industria agricola?

La maggior parte dei mercati agricoli sono “perfettamente competitivi”, il che significa (idealmente) che un prodotto omogeneo è prodotto da e per molti venditori e acquirenti, che sono ben informati sui prezzi. Il mercato è caratterizzato dalla libera entrata e uscita, con i produttori obbligati a prendere i prezzi.

Quali sono gli esempi di mercati competitivi?

Un grande esempio di mercato competitivo è l’agricoltura. Ci sono migliaia di agricoltori e nessuno di loro può influenzare il mercato o il prezzo in base a quanto coltivano. Tutto quello che l’agricoltore può fare è coltivare il raccolto e accettare qualunque sia il prezzo corrente per quel prodotto.

Cos’è il mercato della concorrenza perfetta?

La concorrenza perfetta è un tipo ideale di struttura di mercato in cui tutti i produttori e i consumatori hanno informazioni complete e simmetriche, nessun costo di transazione, dove c’è un gran numero di produttori e consumatori che competono tra loro. La concorrenza perfetta è teoricamente l’opposto di un mercato monopolistico.

Le caffetterie sono un mercato perfettamente competitivo?

Pochissimi mercati o industrie nel mondo reale sono perfettamente competitivi. … In primo luogo, molti mercati primari e delle materie prime, come il caffè e il tè, mostrano molte delle caratteristiche della concorrenza perfetta, come il numero di singoli produttori che esistono e la loro incapacità di influenzare il prezzo di mercato.

Cos’è un monopolio di mercato?

Un monopolio è un’impresa che è l’unico venditore del suo prodotto, e dove non ci sono stretti sostituti. Un monopolio non regolamentato ha potere di mercato e può influenzare i prezzi. Esempi: Microsoft e Windows, DeBeers e i diamanti, la tua compagnia locale di gas naturale.

Starbucks è perfettamente competitivo?

Starbucks è stato considerato parte di un mercato di concorrenza perfetta perché soddisfa le quattro condizioni; molti venditori e compratori, nessuna preferenza, facile entrata e uscita e stesse informazioni di mercato disponibili per tutti.

McDonald’s è una concorrenza perfetta?

Nessuno dei due. Wendy’s, McDonald’s, Burger King, Pizza Hut, Taco Bell, A & W, Chick-Fil-A, e molti altri ristoranti fast-food competono per il tuo business. … Ma l’industria del fast-food non è perfettamente competitiva perché tutte queste aziende offrono un prodotto simile ma non standardizzato.

Cos’è l’esempio della concorrenza perfetta?

La concorrenza perfetta è un tipo di struttura di mercato in cui i prodotti sono omogenei e ci sono molti acquirenti e venditori. … Anche se la concorrenza perfetta non esiste precisamente, gli esempi includono prodotti come l’agricoltura, i cambi e lo shopping online.

Starbucks è una concorrenza perfetta?

Starbucks è stato considerato parte di un mercato di concorrenza perfetta in quanto soddisfa le quattro condizioni: molti venditori e acquirenti, nessuna preferenza, facile entrata e uscita e stesse informazioni di mercato disponibili per tutti.

Quali sono 5 esempi di mercati perfettamente competitivi?

Esempi di concorrenza perfettaMercati di scambio estero. Qui la moneta è tutta omogenea. … Mercati agricoli. In alcuni casi, ci sono diversi agricoltori che vendono prodotti identici al mercato, e molti acquirenti. … Industrie legate a Internet.May 28, 2019

Quale tipo di mercato non è perfettamente competitivo?

Mercati imperfetti
I mercati imperfetti non soddisfano i rigorosi standard di un ipotetico mercato perfettamente o puramente competitivo. I mercati imperfetti sono caratterizzati dall’avere concorrenza per la quota di mercato, alte barriere all’entrata e all’uscita, diversi prodotti e servizi, e un piccolo numero di acquirenti e venditori.

Qual è un buon esempio di monopolio?

Ad oggi, i più famosi monopoli degli Stati Uniti, noti soprattutto per il loro significato storico, sono la Steel Company di Andrew Carnegie (ora U.S. Steel), la Standard Oil Company di John D. Rockefeller e l’American Tobacco Company.

Nike è un monopolio?

Nike non è un monopolio. L’azienda opera in strutture di mercato oligopolistiche in cui ci sono altri concorrenti capaci e degni. Per questo motivo, l’azienda deve sempre fare del suo meglio per formare le proprie risorse umane e la forza lavoro per tenere il passo con i concorrenti o addirittura superarli.

Il mercato del grano è perfettamente competitivo?

Il mercato del grano è spesso preso come esempio di mercato competitivo, perché ci sono molti produttori, e nessun produttore individuale può influenzare il prezzo di mercato aumentando o diminuendo la sua produzione. … In un mercato perfettamente competitivo ogni impresa assume che il prezzo di mercato sia indipendente dal proprio livello di produzione.

Articolo precedente

Perché le alghe sono una buona fonte di biocarburante?

Articolo successivo

Come si cabla una presa da 240 volt?

You might be interested in …