7 Febbraio 2022
Expand search form

Come è arrivata la falena del cactus negli Stati Uniti?

Le falene adulte del cactus sono falene non descritte, grigio-marrone con deboli macchie scure e linee trasversali ondulate che segnano le ali. I margini posteriori delle ali posteriori sono biancastri e semitrasparenti; le antenne e le gambe sono lunghe. L’apertura alare degli adulti varia da 22 a 35 mm.

Le larve di Cactoblastis cactorum sono rosso-arancio brillante con grandi macchie scure che formano bande trasversali. Le larve mature sono lunghe da 25 a 30 mm. Le larve sono bruchi di colore rosa-crema all’inizio e diventano arancioni con l’età. Punti neri e rossi sulla superficie dorsale di ogni segmento del corpo si fondono con l’età per formare bande scure. Le larve sono molto più facili da distinguere rispetto agli adulti non descrittivi.

Minaccia ecologica

A partire dal 2010, la falena del cactus non è stata segnalata in Texas. Tuttavia, gli esperti prevedono che la loro diffusione in Texas dovrebbe avvenire presto. La falena del cactus è così efficiente nell’eliminare Opuntia specie di cactus che viene utilizzato come agente di controllo biologico in aree dove Opuntia sono invasive. Così, la falena cactus sono una minaccia considerevole per il nativo Opuntia cactus e l’ecosistema che sostiene. I lepidotteri nativi, come la rondine di Schaus, in pericolo di estinzione, Papilio aristodemus ponceanus, uccelli, rettili e altri insetti si affidano al cactus come fonte di cibo e riparo. Con la decimazione e il collasso dei cactus nativi, l’ecosistema circostante potrebbe seguire l’esempio.

Biologia

Le femmine depongono in media 70-90 uova in una caratteristica formazione a bastoncino che sporge dal cuscinetto del cactus. Il periodo di incubazione esterna delle uova è tipicamente di 23-28 giorni, ma può avvenire anche in soli 18 giorni e dipende dalla temperatura. Le larve si schiudono, forano il cuscinetto del cactus e persistono al suo interno per diversi stadi. Mentre consumano il cactus dall’interno man mano che maturano, alla fine svuotano il cuscinetto. Le larve sono gregarie, il che porta a una distruzione quasi comunitaria del cactus. Cactus crivellati da C. cactorum hanno un basso tasso di sopravvivenza.
Le larve mature emergono dal cuscinetto del cactus per formare bozzoli e impuparsi sul terreno alla base del cactus ospite. Le falene adulte emergono dai bozzoli per disperdersi in nuove aree e ripetere il processo riproduttivo. Gli adulti vivono in media solo 9 giorni, ma, essendo organismi trasportati dall’aria, possono diffondersi a grandi distanze in poco tempo.

Storia

Cactoblastis cactorum è stato introdotto in Australia come mezzo per controllare le Opuntia cactus. La falena del cactus ebbe un tale successo nel controllare i cactus in Australia (gli australiani eressero persino un monumento per la falena), che fu successivamente introdotta in Sud Africa, nei Caraibi e nelle Hawaii per controllare le popolazioni di cactus. La falena è stata osservata per la prima volta nelle Florida Keys nel 1989 e ha stabilito una popolazione nidificante in alcune parti della Florida. La falena si è anche diffusa in altri stati, tra cui a nord fino alla Carolina del Sud e a ovest fino alla Louisiana. La falena non è attualmente stabilita in Texas, ma si prevede che lo farà se non verranno prese precauzioni.

Origine nativa

Sud America: in particolare Argentina settentrionale, Uruguay, Paraguay e Brasile meridionale.

Posizione attuale

La dieta altamente specializzata di Cactoblastis cactorum limita il suo habitat e la sua distribuzione a coincidere con quella della sua fonte di cibo, i cactus di fico d’India del genere Opuntia.

Attualmente, la falena del cactus ha stabilito popolazioni riproduttive in Florida e nella Carolina del Sud. La falena è stata osservata anche in Alabama, Mississippi e Louisiana.
***Inoltre, la falena ha una popolazione riproduttiva di successo alle Hawaii, ma è stata introdotta intenzionalmente.

1 AGOSTO 2018: La falena del cactus è stata osservata nella Brazoria County, Texas. Ricordate che i bruchi arancioni e neri sono il modo migliore per identificare questa specie. In seguito a questo avvistamento, il Dipartimento dell’Agricoltura del Texas ha anche documentato questo parassita in Colorado e nella contea di Chambers. Le indagini USDA-APHIS lo hanno trovato in Contea di Jacksone i cittadini che hanno segnalato al TISI l’hanno documentato nella Hays County.

Si prega di segnalare qualsiasi avvistamento (insieme alle foto) al TISI attraverso Ashley Morgan-Olvera, M.S. a (arm001@shsu.edu), o attraverso il Texasinvasives.org Sentinial Pest Network. Tutti gli esemplari che devono essere spediti per posta devono essere inviati in alcool.

Assomiglia a

Le falene adulte del cactus non sono descritte e sembrano simili ad altre falene Pyralid, specialmente quelle della sottofamiglia Phycitinae. Tuttavia, le larve hanno un aspetto unico.

Gestione

A partire dal 2010, non è stato stabilito un piano di gestione. Attualmente, il miglior metodo di controllo è la rimozione manuale dei “bastoncini delle uova”. Gli insetticidi non sono usati per controllare la falena del cactus a causa del potenziale di avvelenare e uccidere specie indigene in pericolo come la farfalla macaone di Schaus, Papilio aristodemus ponceanus.

Riferimenti

Hight, S. D., J. E. Carpenter, e K. A. Bloem. 2002. ESPANSIONE DELLA GAMMA GEOGRAFICA DI CACTOBLASTIS CACTORUM (LEPIDOTTERI: PYRALIDAE) IN NORD AMERICA. Florida Entomologist. 85(3): 527-529.

Higgins, A. 2001. Cactus Caretakers 101: Monitoraggio del Cactus Semaphore in pericolo, Opunita corallicola. The Nature Conservancy, Key West, FL. 10 pp.

Moran, V. C. e H. G. Zimmermann. 1984. Il controllo biologico delle erbacce dei cactus: risultati e prospettive. Biocontrol News e Infor. 5:297-320.

Solis, M. A., Hight, S. D., Gordon, D. R., & Florida, P. O. (2004). Seguendo la falena cactus, Cactoblastis cactorum Berg., come vola e mangia la sua strada verso ovest negli Stati Uniti. Notizie della Società dei Lepidotteristi, 46:3-5.

Zimmermann, H. G., Moran, V. C., & Hoffmann, J. H. 2000. La famosa falena dei cactus, Cactoblastis cactorum: la sua storia naturale e la minaccia alle fioriture di Opuntia native in Messico e negli Stati Uniti d’America. Diversità e Distribuzioni, 6(5):259-269.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Come ha fatto la falena cactus arrivare in Florida?

La falena del cactus, Cactoblastis cactorum Berg (Lepidoptera: Pyralidae) è arrivata nel 1989 nelle Florida Keys, e questa specie invasiva è diventata una seria minaccia alla diversità e all’abbondanza del cactus Opuntia in Nord America (Zimmermann et al. 2001, Stiling 2002).

Da dove vengono le falene del cactus?

La falena del cactus, Cactoblastis cactorum, è originaria dell’Argentina settentrionale e di parti del Perù e del Paraguay. È stata introdotta nelle isole dei Caraibi negli anni ’60 per controllare diverse specie (native) di cactus fico d’India (Opuntia) (Simonson 2005). Nel 1989 si è scoperto che la falena del cactus si è diffusa nel sud della Florida.

Perché la falena del cactus è un problema?

Minaccia ecologica La falena del cactus è così efficiente nell’eliminare le specie di cactus Opuntia che viene usata come agente di controllo biologico in aree dove le Opuntia sono invasive. Quindi, la falena del cactus è una minaccia considerevole per la popolazione nativa di cactus Opuntia e l’ecosistema che supporta.

Cosa mangia la falena del cactus?

Interazioni nell’habitat nativo In Sud America, il Cactoblastis cactorum ha molti predatori naturali, tra cui formiche e scimmie del Nuovo Mondo. Le formiche, i principali predatori della falena, consumano le sue larve. Le scimmie del Nuovo Mondo scavano le larve e le pupe dagli steli appiattiti simili a foglie, o “cladodi”, dei cactus.

Quale insetto è stato usato per controllare la diffusione dei cactus?

falena
L’insetto usato per controllare la diffusione dei cactus era una falena.

Come ci si libera delle tarme del cactus?

Le tecniche di controllo delle tarme del cactus includono la rimozione dei cactus ospiti infestati o il rilascio di tarme sterili. La rimozione della pianta ospite comporta la sanificazione e l’eliminazione di tutte le piante di Opuntia da un’area e dovrebbe essere usata solo in determinate circostanze.

Perché il fico d’India è stato un problema in Australia?

I fichi d’India (genere Opuntia) comprendono un certo numero di specie di piante che sono state introdotte e sono diventate invasive in Australia. I fichi d’India (per lo più Opuntia stricta) sono stati importati in Australia nel 19° secolo per essere usati come recinto agricolo naturale e nel tentativo di stabilire un’industria di tintura della cocciniglia.

Quanto è grande la falena del cactus?

Le ali posteriori sono biancastre con antenne e gambe lunghe e sottili. Come larve, le falene del cactus sono di un colore rosso-arancione brillante con bande di grandi macchie che diventano più distinte nel tempo. Una volta maturate, le larve sono tipicamente lunghe da 25 mm a 30 mm. L’apertura alare dell’adulto può variare da 22 mm a 35 mm.

Come si fa a tenere lontane le tarme del cactus?

Le tecniche di controllo della falena del cactus includono la rimozione dei cactus ospiti infestati o il rilascio di falene sterili. La rimozione della pianta ospite comporta la sanificazione e l’eliminazione di tutte le piante di Opuntia da un’area e dovrebbe essere usata solo in determinate circostanze.

Dove sta invadendo la falena del cactus?

La falena del cactus ha fatto un island-hopping dai Caraibi alla Florida circa 30 anni fa. Dopo che ha iniziato a diffondersi verso il Texas, il team di ricerca sulle specie invasive della UT Austin ha iniziato a prepararsi al suo arrivo studiando i suoi nemici naturali con la collaboratrice Patricia Folgarait in Argentina.

Come si controllano le tarme del cactus?

Le tecniche di controllo della falena del cactus includono la rimozione dei cactus ospiti infestati o il rilascio di falene sterili. La rimozione della pianta ospite comporta la sanificazione e l’eliminazione di tutte le piante di Opuntia da una zona e dovrebbe essere usata solo in determinate circostanze.

Come mi sbarazzo dei parassiti sul mio cactus?

Se sei più un killer di insetti senza mani, puoi tamponare una cocciniglia con dell’alcool o spruzzarla con una miscela di sapone liquido per piatti e acqua. Dopo aver applicato il sapone, lascia riposare per un giorno e poi sciacqua delicatamente quell’area del cactus.

Le piante di cactus attirano gli insetti?

I cactus nel paesaggio attirano anche una varietà di insetti affamati che non hanno idea che stanno rovinando il vostro giardino desertico accuratamente organizzato. Fortunatamente, la maggior parte degli insetti dei cactus sono facili da controllare una volta identificato il colpevole.

I cactus sono una specie invasiva?

La famiglia dei cactus (Cactaceae), uno dei gruppi di piante orticole più popolari, è un caso di studio interessante. Centinaia di specie di cactus sono state introdotte al di fuori delle loro gamme native; alcune di esse sono tra le specie di piante invasive più dannose al mondo.

Cos’è un verme del cactus?

I Priapula sono un piccolo phylum di piccoli animali simili a vermi che si trovano nel Puget Sound. Sono presenti nella maggior parte dei mari, sia tropicali che polari, ad una varietà di profondità, da acque costiere poco profonde fino a 7.200 metri.

Articolo precedente

Quale protocollo di crittografia viene usato per https?

Articolo successivo

È necessario sterilizzare i barattoli per l’inscatolamento?

You might be interested in …