1 Dicembre 2021
Expand search form

Come si eseguono le protesi al seno?

Le donne possono ottenere protesi mammarie per rendere i loro seni più grandi e pieni. Questo può essere fatto per scopi ricostruttivi, come dopo la mastectomia per il cancro al seno, o per motivi cosmetici.

Questo articolo copre solo l’aumento cosmetico del seno. Discute i tipi di protesi mammarie disponibili, le procedure utilizzate e le possibili complicazioni.

Protesi mammarie saline e in silicone

Ci sono due tipi fondamentali di protesi mammarie: saline e in gel di silicone.

Le protesi saline sono dei gusci di silicone riempiti con acqua salata sterile (salina). Alcune sono pre-riempite e altre vengono riempite durante l’operazione di impianto.

Gli impianti al gel di silicone sono gusci di silicone riempiti con un gel di plastica (silicone). Anche se molte donne dicono che le protesi al gel di silicone si sentono più simili ai seni reali rispetto a quelle saline, esse comportano un rischio maggiore in caso di perdite.

Sia la soluzione salina che il silicone sono disponibili in diverse dimensioni e hanno gusci lisci o strutturati. Ognuno ha i suoi pro e contro, quindi è una questione di preferenze.

Costi

Quanto costano le protesi mammarie dipende dalla posizione, dal medico e dal tipo di impianto usato.

In genere, l’intervento varia da 5.000 a 10.000 dollari. Poiché si tratta di una procedura cosmetica, l’assicurazione sanitaria di solito non copre l’aumento del seno.

Come viene eseguita la procedura di impianto del seno

Poiché i seni possono continuare a svilupparsi fino a quando le donne raggiungono la tarda adolescenza o i primi 20 anni, la FDA richiede che le donne abbiano almeno 18 anni per ottenere l’aumento del seno con impianti salini e almeno 22 anni per ricevere impianti di silicone.

Quando scegliete il vostro chirurgo, cercatene uno che abbia molta esperienza. Si può avere meno probabilità di avere complicazioni in seguito se si sceglie un chirurgo che ha avuto almeno cinque anni di formazione chirurgica e almeno due anni di esperienza in chirurgia plastica.

Prima della procedura di impianto di protesi mammarie, incontrerete il vostro chirurgo per una valutazione medica. Potrai parlare di ciò che vuoi e ottenere un feedback dal medico. Il chirurgo può chiederle di interrompere l’assunzione di alcuni farmaci alcuni giorni o settimane prima dell’intervento.

È possibile ottenere l’aumento del seno fatto come una procedura ambulatoriale, o si può rimanere una notte in ospedale.

Continua

La procedura dura da una a due ore. Probabilmente ti verrà somministrata un’anestesia generale, durante la quale sarai “addormentata” e senza dolore.

Il chirurgo farà un taglio sotto il seno, sotto le braccia o intorno ai capezzoli, a seconda del suo corpo, del tipo di impianto e di quanto ampliamento viene fatto.

Il chirurgo metterà la protesi mammaria in una tasca sopra o sotto il muscolo pettorale. Dopo che la protesi è in posizione, il chirurgo chiuderà i tagli con suture o nastro chirurgico.

Recupero dopo l’impianto del seno

I suoi seni saranno coperti con una garza dopo l’intervento. Potresti avere dei tubi di drenaggio, che saranno rimossi in pochi giorni. Potrebbe essere necessario indossare un reggiseno chirurgico mentre si guarisce.

Dovrà prendersela comoda per alcuni giorni dopo l’intervento di aumento del seno. Per esempio, non si dovrebbe fare alcun sollevamento pesante per un massimo di sei settimane dopo aver ottenuto le protesi.

Gli antidolorifici da banco come l’acetaminofene possono aiutare ad alleviare il disagio. Il Suo medico può anche prescriverLe degli antidolorifici.

Probabilmente avrete un po’ di gonfiore nell’area dove è stato fatto l’intervento. Con il tempo, il gonfiore dovrebbe diminuire e le cicatrici svaniranno.

Possibili complicazioni

Anche se si tratta di una procedura cosmetica, l’intervento di protesi mammaria può avere dei rischi, come ad esempio

  • Dolore al seno
  • Cambiamenti nella sensazione del capezzolo e del seno
  • Formazione e indurimento di tessuto cicatriziale nell’area intorno alla protesi
  • Cicatrici
  • Sanguinamento
  • Infezione
  • Problemi con le dimensioni o la forma delle protesi (per esempio, i seni potrebbero non essere simmetrici)
  • Linfoma anaplastico a grandi cellule associato o AALCL (raro, ma può essere collegato agli impianti strutturati)

È anche possibile che gli impianti si rompano e perdano. Se gli impianti salini si rompono, la soluzione salina sarà assorbita in modo sicuro dal corpo. Una perdita di silicone può rimanere all’interno del guscio dell’impianto o fuoriuscire dal guscio. Quando una protesi salina si rompe, si sgonfia. Ma le protesi mammarie in silicone possono non causare sintomi evidenti quando si rompono. Questo è chiamato rottura silenziosa.

Continua

Manutenzione

Le protesi mammarie non sono progettate per durare tutta la vita. Potrebbe essere necessario sostituire le protesi se si hanno complicazioni o se le dimensioni e la forma del seno cambiano nel tempo.

Le donne che hanno impianti riempiti di gel di silicone dovranno fare una risonanza magnetica tre anni dopo l’intervento di impianto e poi una risonanza magnetica ogni due anni circa per controllare la rottura silenziosa. Se le tue protesi si rompono, dovrai farle rimuovere o sostituire.

Avere protesi mammarie può rendere più difficile fare una mammografia, ma si possono fare speciali viste a raggi X. C’è la possibilità che le protesi mammarie possano rendere più probabile l’insorgenza del cancro al seno. Le protesi mammarie possono anche rendere più difficile l’allattamento.

Fonti

FONTI:
FDA: “Domande e risposte sulle protesi mammarie” e “Manuale del consumatore per le protesi mammarie della FDA”.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quanto è doloroso farsi le protesi al seno?

Non così doloroso come si potrebbe pensare. Infatti, il dolore del recupero è così trascurabile che gli antidolorifici da banco, come Advil o Tylenol, sono adeguati per gestire qualsiasi disagio provato dopo l’intervento.

Quanto tempo richiede l’intervento di impianto di protesi mammarie?

Quanto tempo richiede l’intervento di aumento del seno? L’aumento del seno è di solito una procedura ambulatoriale, anche se alcuni possono scegliere di rimanere una notte. L’intervento di chirurgia plastica durerà tra una e due ore, e probabilmente riceverete un’anestesia generale.

Quanto costano le protesi al seno nel 2020?

Costi. Quanto costano le protesi al seno dipende dalla posizione, dal medico e dal tipo di impianto utilizzato. In genere, l’intervento va dai 5.000 ai 10.000 dollari. Poiché si tratta di una procedura cosmetica, l’assicurazione sanitaria di solito non copre l’aumento del seno.

Come ci si sottopone per le protesi mammarie?

Sotto anestesia locale, riceverai ossigeno attraverso un tubo che si inserisce nel tuo naso. L’intervento di aumento del seno può anche essere fatto in anestesia generale. Lei sarà addormentata. Una volta addormentata, il chirurgo metterà un tubo di respirazione attraverso la gola fino ai polmoni.

Sei sveglia durante l’intervento di impianto del seno?

Che cos’è la “mastoplastica additiva sveglia”? La “mastoplastica additiva sveglia” è una procedura di aumento del seno eseguita con anestetico locale mentre si è svegli. Alcuni chirurghi ti daranno anche dei sedativi per rilassarti, altri no.

Si dorme per le protesi mammarie?

Sarò completamente addormentata? L’aumento del seno richiede un’anestesia generale, anche se è una procedura abbastanza veloce da eseguire (da 45 minuti a 1 ora nella maggior parte dei casi). Questo significa che sarai completamente addormentata e inconsapevole di ciò che sta accadendo intorno a te.

Si può dormire a pancia in giù con le protesi mammarie?

Posso dormire a pancia in giù con le protesi mammarie? È possibile dormire a pancia in giù con le protesi mammarie, ma la pressione extra sul seno e sulle protesi potrebbe essere molto scomoda. Se dormivi a pancia in giù, questo potrebbe significare cambiare il modo in cui dormiresti di solito per il prossimo futuro.

Cosa succede a 4 settimane dall’intervento di aumento del seno?

I lividi potrebbero essere evidenti fino a 3 – 4 settimane dopo. I lividi si sposteranno lungo il corpo man mano che vengono assorbiti. Se questo è il vostro primo aumento, inizialmente avrete la sensazione che i vostri impianti siano troppo alti, troppo piatti e troppo grandi. Questo si risolverà nel corso delle prime 4 – 6 settimane dopo l’intervento.

I capezzoli diventano ancora duri dopo le protesi mammarie?

I capezzoli diventano ancora duri dopo le protesi mammarie? I capezzoli hanno una muscolatura liscia che erige i capezzoli quando una donna si sente fredda o stimolata. Un aumento del seno non influisce su questi muscoli.

Le protesi al seno sono diverse al tatto per un uomo?

Ragazzi che amano le protesi Questi uomini non hanno paura di amare un seno generoso ma dall’aspetto giovanile. A loro non importa se il silicone o la soluzione salina sono coinvolti nella creazione di questo effetto. La maggior parte ammetterà che gli impianti si sentono diversi al tatto; ma non si preoccupano della differenza di consistenza finché la dimensione piace a loro.

Rimuovono i capezzoli quando si fanno gli impianti?

È possibile ottenere una riduzione dell’areola durante la procedura. Spesso le donne che ottengono una riduzione avranno anche una riduzione dell’areola in modo che l’areola sia proporzionale alle nuove dimensioni del seno. L’area intorno al capezzolo è molto indulgente con le cicatrici.

Si viene intubati durante l’aumento del seno?

La chirurgia di aumento del seno è comunemente eseguita in anestesia generale con intubazione endotracheale o anestesia endovenosa controllata manualmente. Anche se i chirurghi eseguono la procedura comodamente sui pazienti in anestesia generale, i pazienti hanno ansia per le complicazioni dovute all’anestesia generale [1].

È necessario essere addormentati per rimuovere le protesi mammarie?

La maggior parte degli interventi di rimozione delle protesi mammarie vengono eseguiti in anestesia generale. Questo significa che lei sarà addormentata e inconsapevole che la procedura sta avendo luogo. Riceverai farmaci per il dolore e la nausea durante e dopo la procedura.

Quanto tempo dopo l’aumento del seno può essere toccato?

Dopo le prime due settimane, avvicinatevi all’intimità fisica con attenzione e lentamente. Quando si fa sesso dopo l’aumento del seno, evitare la manipolazione dei seni o movimenti che possono causare a voi o al vostro partner di interrompere il posizionamento della protesi per circa sei settimane.

Le protesi mammarie si rompono facilmente?

La maggior parte delle rotture delle protesi mammarie, silenziose o meno, si verificano a causa di un’usura naturale e non di un impatto improvviso; questo è vero sia per le protesi saline che per quelle in silicone. Gli studi dimostrano che il rischio di rottura aumenta leggermente ogni anno per il primo decennio, per poi aumentare più rapidamente dopo i dieci anni.

Articolo precedente

Dove posso vedere le tartarughe marine a San Diego?

Articolo successivo

Cosa significa Pan per il Messico?

You might be interested in …