22 Dicembre 2021
Expand search form

Cosa è successo a Luigi il 14° figlio?

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l’articolo.

Luigi XIV, re di Francia (1643-1715), governò il suo paese, principalmente dal suo grande palazzo di Versailles, durante uno dei periodi più brillanti del paese. Oggi rimane il simbolo della monarchia assoluta dell’età classica.

Luigi XIV succedette a suo padre come re di Francia il 14 maggio 1643, all’età di quattro anni e otto mesi. Secondo le leggi del regno, divenne non solo il padrone ma il proprietario dei corpi e delle proprietà di 19 milioni di sudditi.

Luigi XIV morì nel 1715, quattro giorni prima del suo 77° compleanno, per una cancrena associata a un’infezione alla gamba.

Luigi XIV, soprannome Luigi il Grande, Luigi il Grande Monarcao il Re Sole, francese Louis le Grand, Louis le Grand Monarqueo le Roi Soleil(nato il 5 settembre 1638 a Saint-Germain-en-Laye, Francia – morto il 1º settembre 1715 a Versailles, Francia), re di Francia (1643-1715) che governò il suo paese, principalmente dal suo grande palazzo di Versailles, durante uno dei suoi periodi più brillanti e che rimane il simbolo della monarchia assoluta dell’età classica. A livello internazionale, in una serie di guerre tra il 1667 e il 1697, estese i confini orientali della Francia a spese degli Asburgo e poi, nella guerra di successione spagnola (1701-14), impegnò una coalizione europea ostile al fine di assicurare il trono spagnolo a suo nipote.

Charles Le Brun: Ritratto del re Luigi XIV

Prima vita e matrimonio

Luigi era il figlio di Luigi XIII e della sua regina spagnola, Anna d’Austria. Succedette al padre il 14 maggio 1643. All’età di quattro anni e otto mesi era, secondo le leggi del regno, non solo il padrone ma il proprietario dei corpi e delle proprietà di 19 milioni di sudditi. Sebbene fosse salutato come “una divinità visibile”, era comunque un bambino trascurato e affidato alle cure dei servi. Una volta sfuggì per un pelo all’annegamento in uno stagno perché nessuno lo sorvegliava. Anna d’Austria, che era responsabile di questa negligenza, gli ispirò una paura duratura dei “crimini commessi contro Dio”.

Luigi XIII

Peter Paul Rubens: ritratto di Anna d'Austria

Luigi aveva nove anni quando i nobili e il Parlamento di Parigi (un potente tribunale), spinti dall’odio verso il primo ministro Jules Cardinal Mazarin, insorsero contro la corona nel 1648. Questo segnò l’inizio della lunga guerra civile conosciuta come la Fronda, nel corso della quale Luigi soffrì povertà, sfortuna, paura, umiliazione, freddo e fame. Queste prove modellarono il futuro carattere, il comportamento e il modo di pensare del giovane re. Non avrebbe mai perdonato né Parigi, né i nobili, né la gente comune.

Jules Cardinale Mazarin

Nel 1653 Mazzarino fu vittorioso sui ribelli e poi procedette alla costruzione di uno straordinario apparato amministrativo con Luigi come suo allievo. Il giovane re acquisì anche la predilezione di Mazzarino per le arti, l’eleganza e lo spettacolo. Nonostante fosse stato proclamato maggiorenne, il re non si sognò di contestare il potere assoluto del cardinale.

Conoscere la vita di Luigi XIV, re di Francia

La guerra iniziata nel 1635 tra Francia e Spagna stava allora entrando nella sua ultima fase. L’esito della guerra avrebbe trasferito l’egemonia europea dagli Asburgo ai Borboni. Un re francese doveva essere un soldato, e così Luigi fece il suo apprendistato sul campo di battaglia.

Nel 1658 Luigi affrontò il grande conflitto tra amore e dovere, familiare ai principi di quel periodo. Lottò con se stesso per due anni per il suo amore per la nipote di Mazzarino, Marie Mancini. Alla fine si sottomise alle esigenze della politica e nel 1660 sposò Maria Teresa d’Austria, figlia del re Filippo IV di Spagna, per ratificare la pace tra i due paesi.

L’infanzia di Luigi XIV era finita, ma nessuno lo credeva capace di prendere le redini del potere. Nessuno sospettava i suoi pensieri. Egli scrisse nelle sue Mémoires:

Nel mio cuore preferisco la fama a tutto il resto, anche alla vita stessa….L’amore per la gloria ha le stesse sottigliezze delle passioni più tenere…. Nell’esercizio di una funzione totalmente divina qui sulla terra, dobbiamo apparire incapaci di turbamenti che possano svilirla.

Il giovane re

Mazzarino morì il 9 marzo 1661. Il colpo drammatico arrivò il 10 marzo. Il re informò i suoi attoniti ministri che intendeva assumere tutta la responsabilità di governare il regno. Questo non accadeva dal regno di Enrico IV. Non si sottolineerà mai abbastanza che l’azione di Luigi XIV non era in accordo con la tradizione; il suo concetto di dittatura per diritto divino era suo. Nella fede genuina, Luigi si considerava il rappresentante di Dio sulla terra e considerava peccaminosa ogni disobbedienza e ribellione. Da questa convinzione ricavò non solo un pericoloso sentimento di infallibilità, ma anche una notevole serenità e moderazione.

Fu sostenuto prima dai grandi ministri Jean-Baptiste Colbert, marchese di Louvois, e Hugues de Lionne, tra i quali favorì il dissenso, e poi da uomini di minore capacità. Per 54 anni Luigi si dedicò al suo compito otto ore al giorno; non il più piccolo dettaglio sfuggì alla sua attenzione. Voleva controllare tutto, dall’etichetta di corte ai movimenti delle truppe, dalla costruzione di strade alle dispute teologiche. Ci riuscì perché rifletteva fedelmente lo stato d’animo di una Francia traboccante di gioventù e vigore e innamorata della grandezza.

Jean-Baptiste Colbert

Nonostante l’uso di pensioni e punizioni, la monarchia non era stata in grado di sottomettere i nobili, che avevano iniziato 11 guerre civili in 40 anni. Luigi li attirò alla sua corte, li corruppe con il gioco d’azzardo, li esaurì con la dissipazione e fece dipendere i loro destini dalla loro capacità di compiacerlo. Il galateo divenne un mezzo per governare. Da quel momento, la nobiltà cessò di essere un fattore importante nella politica francese, il che per certi aspetti indebolì la nazione.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Il 14° figlio di Luigi è stato rapito?

C’era davvero un complotto per rapire il Delfino? Il Gran Cacciatore del re, il Chevalier de Rohan, si è davvero unito ad un complotto per catturare il Delfino (il figlio di Luigi XIV) – ma non è arrivato così lontano come fa nello spettacolo. … Il complotto era noto come la cospirazione di Lautréamont.

Cosa successe al re Luigi figlio a Versailles?

Il Gran Delfino divideva il suo tempo tra Versailles e il suo castello a Meudon, il cui arredamento sontuoso rivaleggiava con quello del grande palazzo di suo padre. … Quattro anni prima della morte del padre, nell’aprile del 1711 Monseigneur morì di vaiolo nel suo castello di Meudon.

Perché Maria Antonietta era odiata?

Divenne sempre più impopolare tra la gente, tuttavia, con i libelli francesi che la accusavano di essere dissoluta, promiscua, di nutrire simpatie per i nemici percepiti della Francia – in particolare la sua nativa Austria – e di avere figli illegittimi.

Cosa fece di sbagliato Maria Antonietta?

Nel luglio 1793 perse la custodia del suo giovane figlio, che fu costretto ad accusarla di abusi sessuali e incesto davanti a un tribunale rivoluzionario. In ottobre fu condannata per tradimento e mandata alla ghigliottina. Aveva 37 anni.

La serie Netflix Versailles è storicamente accurata?

Quando gli eventi vengono discussi dagli storici, è comprensibile che drammatizzi l’interpretazione più razzista di quegli eventi contestati. Ancora più significativo è il fatto che evoca anche una propria sottotrama completamente fittizia – sebbene questa sia vagamente basata sulla vera cospirazione di Louis de Rohan e Gilles du Hamel de Latreaumont.

Chi è il traditore a Versailles?

Louis de Rohan-Chabot, duca di Rohan è un amico d’infanzia di Luigi XIV e un soldato molto abile. È anche il capobanda dei cospiratori nel colpo di stato contro il re Luigi. Nella seconda stagione, si scopre che era una spia che lavorava segretamente per Guglielmo d’Orange.

Cos’è la sindrome di Maria Antonietta?

La sindrome di Maria Antonietta designa la condizione in cui i capelli del cuoio capelluto diventano improvvisamente bianchi. Il nome allude all’infelice regina Maria Antonietta di Francia (1755-1793), i cui capelli divennero presumibilmente bianchi la notte prima della sua ultima passeggiata verso la ghigliottina durante la rivoluzione francese. Aveva 38 anni quando morì.

Perché Maria Antonietta era colpevole?

Nel luglio 1793, perse la custodia del suo giovane figlio, che fu costretto ad accusarla di abusi sessuali e incesto davanti a un tribunale rivoluzionario. In ottobre fu condannata per tradimento e mandata alla ghigliottina. Aveva 37 anni.

La sindrome di Maria Antonietta è una malattia mentale?

I casi della cosiddetta sindrome di Maria Antonietta sono spesso pensati per essere causati da un disturbo autoimmune. Tali condizioni cambiano il modo in cui il corpo reagisce alle cellule sane del corpo, attaccandole inavvertitamente. Nel caso di sintomi simili alla sindrome di Maria Antonietta, il tuo corpo interromperebbe la normale pigmentazione dei capelli.

Qual è la causa della sindrome di Maria Antonietta?

La sindrome di Maria Antonietta è causata da alti livelli di stress emotivo, che, a sua volta, causa una minore pigmentazione dei capelli. Questi costituiscono la base della maggior parte degli usi dell’idea in opere di fantasia. Si è scoperto che alcuni capelli possono tornare a colorarsi quando si riduce lo stress.

Chi è la donna più odiata della storia francese?

Madame du BarryJeanne BécuNata Jeanne Bécu19 agosto 1743 Vaucouleurs, FranciaMorta8 dicembre 1793 (all’età di 50 anni) Parigi, FranciaMoglie(i) Comte Guillaume du BarryPadremio Jean Baptiste Gormand de Vaubernier4 altre righe

Maria Antonietta è innocente?

Anche se Maria Antonietta era innocente di qualsiasi coinvolgimento, era comunque colpevole agli occhi del popolo. Rifiutandosi di lasciare che le critiche pubbliche alterassero il suo comportamento, nel 1786 Maria Antonietta iniziò a costruire l’Hameau de la Reine, uno stravagante rifugio vicino al Petit Trianon a Versailles.

Dove è sepolto Luigi XIV?

9 settembre 1715
Luigi XIV/Data di sepoltura

Chi era il migliore amico di Luigi XIV?

Louis de Rohan-Chabot
Louis de Rohan-Chabot, duca di Rohan è un amico d’infanzia di Luigi XIV e un soldato molto abile. È anche il capobanda dei cospiratori nel colpo di stato contro il re Luigi….Duca di RohanNato:3 novembre 1635Morto:27 novembre 1674Cause di morte:Decapitato da Fabien MarchalLuogo di nascita:Parigi, Francia24 altre file

Luigi 14 aveva un medico donna?

Daquin studiò per diventare medico a Montpellier e si laureò il 18 maggio 1648. Sposò Marguerite Gayant, nipote di Antoine Vallot, essendo Antoine Vallot il medico principale di Luigi XIV.

Maria Antonietta è una vittima?

La prima vita e il ruolo alla corte di Luigi XVI Panoramica della vita di Maria Antonietta. In più di un senso, Maria Antonietta fu una vittima delle circostanze. … Fu in definitiva la debolezza personale e la nullità politica del marito che costrinse Maria Antonietta a giocare un ruolo politico così importante durante la Rivoluzione.

Articolo precedente

Quanto tempo ci vuole perché la banda guarisca?

Articolo successivo

Come imparano i teorici?

You might be interested in …