29 Novembre 2021
Expand search form

Cos’è Endolaser?

Endolaser, o trattamento laser endovenoso, è una tecnica minimamente invasiva per le vene varicose. Il trattamento può essere eseguito in anestesia locale, senza bisogno di sedazione.

Le vene varicose possono formarsi ovunque, ma sono più comuni nelle gambe perché il sangue viene pompato contro la forza di gravità. Le vene contengono due valvole che permettono al sangue di fluire in una direzione ma lo impediscono di fluire all’indietro. Queste valvole possono diventare difettose e non riuscire a chiudersi correttamente causando il flusso di sangue all’indietro e l’ingrossamento della vena.

Perché farlo?

Il trattamento Endolaser può rimuovere le vene varicose. Le vene varicose sono vene ingrossate che spesso appaiono come rigonfiamenti sotto la pelle. Molte persone ritengono che le vene varicose siano antiestetiche e desiderano rimuoverle per motivi estetici. In alcuni casi, le vene varicose possono causare un disagio significativo e quindi è auspicabile che vengano rimosse per questo motivo.

Che cosa comporta?

Il trattamento Endolaser consiste nel far brillare un laser sulle vene. Il calore del laser danneggia la vena, facendola chiudere e infine scomparire. La procedura è minimamente invasiva ed è un’alternativa ai trattamenti chirurgici come lo stripping delle vene.

Il trattamento prevede l’inserimento di una fibra ottica nella vena per dirigere il laser nella vena. Una volta che la vena è danneggiata e forma tessuto cicatriziale, alla fine morirà e scomparirà. Il laser viene spostato lungo la vena per chiuderne l’intera lunghezza. Una scansione ad ultrasuoni viene utilizzata per guidare il laser.

La procedura viene eseguita utilizzando un anestetico locale con il paziente sveglio. Il trattamento Endolaser può essere fatto in meno di un’ora nella maggior parte dei casi.

Come prepararsi

In preparazione al trattamento endolaser, un medico valuterà ogni singolo caso e discuterà i rischi. Anche se relativamente sicuro, le possibili complicazioni includono bruciature della pelle, cambiamenti di colore della pelle, danni ai nervi e trombosi delle vene.

Cura post-operatoria

C’è da aspettarsi un po’ di disagio dopo il trattamento, e ai pazienti viene solitamente richiesto di indossare una calza compressiva per una settimana dopo la procedura, tuttavia saranno in grado di riprendere le normali attività molto rapidamente.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Che cosa è Endolaser nell’occhio?

tecnologie.1,2. Durante le procedure di vitrectomia, l’endolaser è più comunemente usato per creare una barricata laser intorno alle lacerazioni retiniche, circondare i bordi della retinectomia o i margini delle lacerazioni retiniche giganti e fornire la fotocoagulazione panretinica a diffusione. Per le lacerazioni retiniche, l’obiettivo è di ottenere 360º di laser che circonda la lacerazione.

Perché viene eseguita la vitrectomia?

Le procedure di vitrectomia sono spesso effettuate per permettere ai chirurghi di accedere alla parte posteriore dell’occhio, durante le operazioni per le condizioni della retina. È anche comunemente fatta per drenare il liquido vitreo che è diventato torbido o sanguinolento, o pieno di floaters o grumi di tessuto.

Che cos’è l’intervento di vitrectomia pars plana?

L’intervento di vitrectomia (o pars plana vitrectomy) è una procedura chirurgica comune che viene utilizzata per un gran numero di condizioni della retina. Queste includono: retinopatia diabetica, distacco di retina, pucker maculare, foro maculare ed emorragia vitreale per nominarne alcune.

Cos’è il tamponamento con gas?

Lo scopo dell’agente tamponante è quello di prevenire fisicamente il flusso di fluido attraverso la rottura retinica nello spazio sottoretinico, piuttosto che “spingere la retina in posizione”, che è il modo in cui viene talvolta spiegato ai pazienti. Gli agenti di tamponamento comunemente usati includono vari gas e oli di silicone.

Si può diventare ciechi a causa della vitrectomia?

Se non trattate, alcune di esse possono addirittura portare alla cecità. In alcuni casi, la vitrectomia può ripristinare la visione persa. Potresti aver bisogno di una vitrectomia in caso di emergenza – una ferita all’occhio, per esempio.

Si può guardare la TV dopo la vitrectomia?

Guardare la TV e leggere non causerà alcun danno. La tua visione rimarrà offuscata / scarsa per diverse settimane. Spesso la visione è distorta dopo l’intervento. Questo varia a seconda del tipo di operazione, ad esempio se una bolla di gas viene inserita nell’occhio, mentre la bolla si restringe si potrebbe vedere il bordo della bolla.

Cos’è una fibbia nell’occhio?

Una fibbia sclerale è un pezzo di spugna di silicone, gomma o plastica semi-dura che il tuo oculista (oftalmologo) mette sulla parte esterna dell’occhio (la sclera, o il bianco dell’occhio). Il materiale è cucito all’occhio per tenerlo in posizione. L’elemento di inarcamento è di solito lasciato in posizione in modo permanente.

Cosa significa Ciclofotocoagulazione?

La ciclofotocoagulazione è un trattamento laser che mira ai processi ciliari dell’occhio. I processi ciliari sono la parte dell’occhio che produce il fluido, o umor acqueo, che bagna i tessuti nella parte anteriore dell’occhio.

La criopessi fa male?

Dopo il trattamento Dopo un trattamento di criopessi, i pazienti sono monitorati per circa un’ora e vengono forniti farmaci antidolorifici per aiutare ad alleviare il disagio. Immediatamente dopo la procedura, i pazienti avranno una visione offuscata e l’occhio trattato sarà rosso e gonfio.

Quanto dura l’SF6 nell’occhio?

Il gas SF6 rimane nell’occhio per circa un mese; il gas C3F8 rimane per circa due mesi. Il gas SF6 è usato più spesso, mentre il gas C3F8 è riservato ai distacchi di retina più complessi e ad alcuni fori maculari.

Si può dormire sul fianco dopo una vitrectomia?

Si raccomanda di dormire su entrambi i lati o anche sul davanti, ma non sulla schiena perché ciò farebbe allontanare la bolla dal foro maculare.

Qual è la percentuale di successo dell’intervento di vitrectomia?

La percentuale di successo della vitrectomia è di circa il 90%, anche se hai più di 60 anni.

Quanto tempo ci vuole perché una bolla d’aria si dissolva dopo la vitrectomia?

Più tardi, la vista comincerà a tornare. La tempistica dipende dal tipo di gas usato: il gas ad azione breve (SF6) impiega da 2 a 3 settimane per scomparire; il gas ad azione lunga (C3F8) impiega circa 2 mesi. Quando la bolla di gas è ridotta a metà, vedrai una linea orizzontale attraverso la tua visione, che oscilla su e giù con il movimento della testa.

Posso dormire sul fianco dopo l’intervento di vitrectomia?

Si raccomanda di dormire su entrambi i lati o anche sul davanti, ma non sulla schiena perché ciò farebbe allontanare la bolla dal foro maculare.

La fibbia sclerale può causare dolore?

Una fibbia sclerale può causare dolore, ma di solito è controllato da farmaci su prescrizione. Anche se il dolore può essere abbastanza forte, è abbastanza variabile; alcuni pazienti non sentono quasi nessun fastidio. Se c’è un dolore forte, di solito è più tollerabile dal giorno dopo l’intervento e spesso si risolve entro una settimana.

Articolo precedente

Quali stati non hanno la pena di morte?

Articolo successivo

Che aspetto ha il nitruro di magnesio?

You might be interested in …