25 Dicembre 2021
Expand search form

Cos’è il principio del vantaggio comparato?

In economia, il vantaggio comparato si riferisce alla capacità di una persona o di una nazione di produrre un bene o un servizio ad un costo opportunità inferiore rispetto ad un’altra persona (o nazione). Questo è il motivo per cui il commercio può creare valore per entrambe le parti – perché ogni persona può concentrarsi sull’attività per la quale ha il costo opportunità più basso. Spiega anche perché Tiger Woods non dovrebbe tagliare il vostro prato.

Il termine “vantaggio comparativo” è solitamente attribuito a David Ricardo. Nel suo libro del 1817 “On the Principles Of Political Economy And Taxation”, Ricardo ha usato l’esempio del commercio tra Inghilterra e Portogallo.

Il Portogallo potrebbe produrre sia il vino che il tessuto con meno lavoro di quello che ci sarebbe voluto per produrre la stessa produzione in Inghilterra. Tuttavia, i costi relativi sono diversi (le valute hanno valori diversi). Dal punto di vista di Ricardo, l’Inghilterra aveva difficoltà a produrre vino e pochissime difficoltà a produrre tessuti. Il Portogallo, invece, poteva facilmente produrre sia vino che stoffa. Ricardo concluse che mentre era più economico produrre tela in Portogallo che in Inghilterra, è più economico ancora per il Portogallo produrre vino in eccesso e scambiarlo con la tela inglese. L’Inghilterra trarrebbe beneficio da questo commercio perché il suo costo di produzione del panno non è cambiato ma può ora ottenere il vino ad un prezzo più basso. Così, ogni paese può guadagnare specializzandosi nel bene che ha un vantaggio comparativo.

Uno degli svantaggi del commercio in questo modo è che crea una crescente interdipendenza tra persone o nazioni. Nell’esempio di Ricardo, l’Inghilterra e il Portogallo contavano l’uno sull’altro per certi beni. Questo è possibile finché è nell’interesse personale di ogni nazione e non ci sono interruzioni.

Nel principale libro di testo di economia, Principles of Microeconomics, Greg Mankiw offre quanto segue:

Le differenze nel costo opportunità e nel vantaggio comparativo creano i guadagni dal commercio. Quando ogni persona si specializza nella produzione del bene per il quale ha un vantaggio comparativo, la produzione totale nell’economia aumenta, e questo aumento nella dimensione della torta economica può essere usato per rendere tutti migliori. In altre parole, finché due persone hanno diversi costi opportunità, ognuna può beneficiare del commercio ottenendo un bene a un prezzo inferiore al suo costo opportunità di quel bene.

Esempi di vita reale

Tiger Woods dovrebbe tagliare da solo il suo prato?

Tiger è un grande atleta. Uno dei migliori golfisti che siano mai vissuti. Molto probabilmente è migliore anche in altre attività. Tiger è probabilmente più in forma di molti altri: può correre più velocemente, sollevare di più e lavorare più velocemente. Per esempio, Tiger può probabilmente tagliare il suo prato più velocemente di chiunque altro. Ma solo perché può tagliare il suo prato velocemente, significa che dovrebbe farlo?

Per rispondere a questa domanda possiamo usare i concetti di costo opportunità e vantaggio comparativo. Diciamo che Tiger può tagliare il suo prato in 2 ore. Nelle stesse due ore potrebbe girare uno spot televisivo per le mazze da golf e guadagnare 100.000 dollari. Al contrario, Joe, il ragazzo della porta accanto, può tagliare il prato di Tiger in 4 ore. In quelle stesse 4 ore potrebbe lavorare da McDonald’s e guadagnare 24 dollari.

In questo esempio, il costo opportunità di Tiger è di 100.000 dollari e quello di Joe è di 24 dollari. Tiger ha un vantaggio assoluto nel tagliare il prato perché può fare il lavoro in meno tempo. Tuttavia Joe ha un vantaggio comparativo perché ha un costo opportunità più basso. I guadagni commerciali di questo esempio sono enormi. Piuttosto che tagliare il proprio prato, Tiger dovrebbe fare lo spot e assumere Joe per tagliare il suo prato. Finché Tiger paga Joe più di 24 dollari e meno di 100.000 dollari, entrambi stanno meglio.

(Un altro esempio, questo da wikipedia)

Due uomini vivono da soli su un’isola isolata. Per sopravvivere devono intraprendere alcune attività economiche di base come il trasporto dell’acqua, la pesca, la cucina e la costruzione e la manutenzione di rifugi. Il primo uomo è giovane, forte e istruito. È anche più veloce, migliore e più produttivo in tutto. Ha un vantaggio assoluto in tutte le attività. Il secondo uomo è vecchio, debole e non istruito. Ha uno svantaggio assoluto in tutte le attività economiche. In alcune attività la differenza tra i due è grande, in altre è piccola.

Nonostante il fatto che l’uomo più giovane abbia un vantaggio assoluto in tutte le attività, non è nell’interesse di nessuno dei due lavorare in modo isolato poiché entrambi possono beneficiare della specializzazione e dello scambio. Se i due uomini dividono il lavoro secondo il vantaggio comparativo, allora il giovane si specializzerà in compiti in cui è più produttivo, mentre l’uomo più anziano si concentrerà in compiti in cui la sua produttività è solo un po’ inferiore a quella di un giovane. Una tale disposizione aumenterà la produzione totale per una data quantità di lavoro fornita da entrambi gli uomini e renderà entrambi più ricchi.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Cos’è il principio del vantaggio comparato quizlet?

Il principio del vantaggio comparato afferma che tutti stanno meglio se ogni agente (o ogni paese) si specializza in attività per le quali ha un vantaggio comparato.

Cos’è la teoria del vantaggio comparato con esempio?

Il vantaggio comparato è ciò che fai meglio rinunciando a meno. Per esempio, se sei un grande idraulico e un grande babysitter, il tuo vantaggio comparato è l’idraulico. Questo perché guadagnerai di più come idraulico.

Cos’è il principio del vantaggio?

In economia, il principio del vantaggio assoluto è la capacità di una parte (un individuo, o un’impresa, o un paese) di produrre un bene o un servizio in modo più efficiente dei suoi concorrenti.

Chi ha sviluppato il principio del vantaggio comparato?

David Ricardo
Il principio del vantaggio comparato 200 anni dopo: Presentazione di un nuovo eBook. David Ricardo ha dato uno dei contributi duraturi all’analisi del commercio internazionale con la pubblicazione nel 1817 del suo “On the Principles of Political Economy and Taxation”.

Chi ha un vantaggio assoluto?

Il vantaggio assoluto è quando un produttore può produrre un bene o un servizio in una quantità maggiore per lo stesso costo, o la stessa quantità ad un costo inferiore, rispetto agli altri produttori. Il vantaggio assoluto può essere la base per grandi guadagni dal commercio tra produttori di beni diversi con diversi vantaggi assoluti.

Cos’è un vantaggio complementare?

vantaggio complementare. Quando due regioni soddisfano specificamente i bisogni dell’altra attraverso lo scambio di materie prime e o di prodotti finiti.

Qual è la differenza tra vantaggio comparativo e vantaggio assoluto Brainly?

Il vantaggio assoluto è una condizione in cui un paese può produrre determinati beni ad un costo inferiore rispetto ad un altro paese. D’altra parte, il vantaggio comparativo è una condizione in cui un paese produce determinati beni ad un costo opportunità inferiore rispetto ad altri paesi.

Qual è la differenza tra vantaggio comparativo e vantaggio assoluto?

Il vantaggio assoluto si riferisce alla capacità di produrre più o meglio beni e servizi di qualcun altro. Il vantaggio comparato si riferisce alla capacità di produrre beni e servizi ad un costo opportunità più basso, non necessariamente ad un volume o qualità maggiore.

Quali sono le quattro fonti principali del vantaggio comparativo?

Il vantaggio comparato è determinato dalle risorse di un paese, cioè la terra, il lavoro, il capitale e l’impresa.

Chi ha il vantaggio comparato esempio?

Prendendo questo esempio, se i paesi A e B assegnano le risorse in modo uniforme ad entrambe le merci la produzione combinata è: Auto = 15 + 15 = 30; Camion = 12 + 3 = 15, quindi la produzione mondiale è di 45 m unità. È la capacità di produrre beni utilizzando meno risorse, ad un costo opportunità inferiore, che dà ai paesi un vantaggio comparato.

Cos’è l’esempio del vantaggio assoluto?

Il vantaggio assoluto è un termine economico che descrive quando un produttore di un bene o servizio può produrre quel prodotto ad un costo inferiore rispetto ad un altro. … Per esempio, il Nebraska potrebbe avere un vantaggio assoluto nel produrre mais rispetto al Massachusetts, anche se entrambi fanno parte dello stesso paese.

Quali sono i benefici del vantaggio assoluto?

Un’entità con un vantaggio assoluto può produrre un prodotto o un servizio ad un costo assoluto inferiore per unità usando un numero minore di input o un processo più efficiente di un’altra entità che produce lo stesso bene o servizio.

Qual è un esempio di vantaggio complementare?

Due beni (A e B) sono complementari se l’uso di più del bene A richiede l’uso di più del bene B. Per esempio, la domanda di un bene (stampanti) genera la domanda dell’altro (cartucce di inchiostro). Sprite e 7-UP sono un altro esempio di beni sostitutivi.

Qual è la differenza tra vantaggio comparativo e vantaggio complementare?

Il vantaggio comparativo è la capacità di un’impresa o di un individuo di produrre beni e/o servizi a un costo opportunità inferiore rispetto ad altre imprese o individui. Un bene complementare è un bene il cui uso è legato all’uso di un bene associato o accoppiato.

È possibile avere un vantaggio comparativo senza avere un vantaggio assoluto?

Un vantaggio comparativo esiste quando un paese può produrre beni ad un costo opportunità inferiore rispetto ad altri paesi. Non è possibile per un paese avere un vantaggio comparato in tutti i beni. Un vantaggio assoluto esiste quando un paese è semplicemente il migliore (più efficiente) nel produrre un prodotto o un servizio.

Articolo precedente

Qual è lo stipendio annuale di Stephen A Smith?

Articolo successivo

Che aspetto hanno i buchi degli scoiattoli?

You might be interested in …