16 Dicembre 2021
Expand search form

Cos’è la propriocezione in psicologia?

Propriocezione (dal latino propriusche significa “proprio” e percezione) è il senso della posizione di parti del corpo, rispetto ad altre parti vicine del corpo. A differenza dei sei sensi umani esterocettivi di vista, gusto, olfatto, tatto, udito ed equilibrio, che ci avvisano del mondo esterno, la propriocezione è un senso che fornisce un feedback esclusivamente sullo stato del corpo internamente. È il senso che indica se il corpo si sta muovendo con lo sforzo richiesto, così come dove si trovano le varie parti del corpo in relazione tra loro.

Kinesthesia è un altro termine che viene spesso usato in modo intercambiabile con la propriocezione. Alcuni utenti differenziano il senso cinestesico dalla propriocezione escludendo dalla cinestesia il senso dell’equilibrio o del bilanciamento. Un’infezione dell’orecchio interno, per esempio, potrebbe avere un impatto sul senso dell’equilibrio. Questo avrebbe un impatto sul senso propriocettivo, ma non sul senso cinestesico. La persona infetta sarebbe in grado di camminare, ma solo usando il suo senso della vista per mantenere l’equilibrio; la persona non sarebbe in grado di camminare con gli occhi chiusi.

La cinestesia è una componente chiave della memoria muscolare e della coordinazione occhio-mano, e l’allenamento può migliorare questo senso. La capacità di far oscillare senza sforzo una mazza da golf o di prendere una palla da baseball richiede un senso finemente sintonizzato della posizione delle articolazioni, in modo che gli occhi possano concentrarsi sulla palla e lasciare che il senso cinestesico gestisca il movimento del corpo come necessario per incontrare la palla.

Contenuto

Base [ ]

Si ritiene che il senso propriocettivo sia composto da informazioni provenienti da neuroni sensoriali situati nell’orecchio interno (movimento e orientamento) e nei recettori di allungamento delle articolazioni e dei muscoli (posizione). Ci sono recettori nervosi specifici chiamati Applicazioni [ ]

La propriocezione è testata dagli agenti di polizia americani con il test di sobrietà sul campo, in cui il soggetto deve toccarsi il naso con gli occhi chiusi. Le persone con una propriocezione normale possono commettere un errore di non più di 2 cm. Le persone che soffrono di alterazione della propriocezione (un sintomo di avvelenamento da alcol da moderato a grave) falliscono questo test a causa della difficoltà di localizzare i loro arti nello spazio rispetto al loro naso.

La propriocezione è ciò che permette a qualcuno di imparare a camminare nella completa oscurità senza perdere l’equilibrio. Durante l’apprendimento di qualsiasi nuova abilità, sport o arte, di solito è necessario familiarizzare con alcune preoccupazioni propriocettive specifiche per quell’attività. Senza l’integrazione appropriata dell’input propriocettivo, un artista non sarebbe in grado di dipingere su una tela senza guardare la mano mentre muove il pennello sulla tela; sarebbe impossibile guidare un’automobile perché un automobilista non sarebbe in grado di sterzare o usare i pedali mentre guarda la strada davanti a sé; non potremmo Giocoleria allena il tempo di reazione e la posizione spaziale e il movimento efficiente. Stare in piedi su una tavola oscillante è spesso usato per riqualificare o aumentare le capacità di propriocezione, in particolare come terapia fisica per lesioni alla caviglia o al ginocchio. Lo stare in piedi su una gamba sola (stork standing) e varie altre sfide di posizione del corpo sono anche usate, in discipline come lo Yoga. Gran parte di quella che viene chiamata la Quarta Via, sviluppata da G. I. Gurdjieff, comporta una quantità sostanziale di esercizi propriocettivi che si dice aiutino lo sviluppo spirituale. Diversi studi hanno dimostrato che l’efficacia di questi tipi di allenamento sono sfidati dalla chiusura degli occhi, perché gli occhi danno un feedback inestimabile per stabilire l’informazione momento per momento dell’equilibrio.

Oliver Sacks ha riportato il caso di una giovane donna che ha perso la sua propriocezione a causa di un’infezione virale del suo midollo spinale. All’inizio non era in grado di muoversi correttamente. Più tardi ha reimparato usando solo la vista (guardando i suoi piedi) e il vestibolo (o orecchio interno). Alla fine ha acquisito un movimento rigido e lento, che si ritiene essere il migliore possibile in assenza di questo senso. Non poteva giudicare lo sforzo necessario per raccogliere gli oggetti.

David Bohm ha introdotto il concetto di “propriocezione del pensiero”. Le sue idee suggeriscono che i punti di vista degli altri sono necessari, per poter compensare gli inevitabili presupposti auto-ingannevoli del pensiero. Ha scritto sulla propriocezione in Il pensiero come sistema e le sue teorie del “Dialogo”.

Danneggiamento [ ]

Apparentemente, la perdita temporanea o la compromissione della propriocezione può avvenire periodicamente durante la crescita, soprattutto durante l’adolescenza. La crescita che potrebbe anche influenzare questo sarebbe grandi aumenti o diminuzioni del peso corporeo / dimensioni a causa di fluttuazioni di grasso (liposuzione, rapida perdita di grasso, rapido aumento di grasso) e il contenuto muscolare (bodybuilding, steroidi anabolizzanti, catabolizzazione / fame). Può anche accadere a coloro che guadagnano nuovi livelli di flessibilità, assuefazione o desensibilizzazione. L’effetto è che sembra che le impressioni sensoriali propriocettive scompaiano, proprio come un profumo sembra scomparire quando una persona lo annusa per un periodo di tempo prolungato. Un vantaggio pratico di questo è che azioni o sensazioni inosservate continuano sullo sfondo mentre l’attenzione dell’individuo può spostarsi su un’altra preoccupazione. L’amputato può avere ancora un senso confuso dell’esistenza di quell’arto sul suo corpo, noto come sindrome dell’arto fantasma. Le sensazioni fantasma possono verificarsi come sensazioni propriocettive passive della presenza dell’arto, o sensazioni più attive come il movimento percepito, la pressione, il dolore, il prurito o la temperatura. L’eziologia del fenomeno dell’arto fantasma è ancora oggetto di controversia, ma le teorie contemporanee tendono più verso le spiegazioni neurologiche (ad esempio, l’emorragia del segnale neurale attraverso una mappa sensoriale preesistente, come postulato da V.S. Ramachandran) piuttosto che psicologiche. Le sensazioni fantasma e il dolore fantasma possono anche verificarsi dopo la rimozione di parti del corpo diverse dagli arti, ad esempio dopo l’amputazione del seno, l’estrazione di un dente (dolore al dente fantasma) o la rimozione di un occhio (sindrome dell’occhio fantasma).

C’è almeno un caso documentato di una persona che ha perso completamente il suo senso propriocettivo, che è discusso nel libro di Oliver Sacks L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello.

È stato anche riscontrato un deterioramento temporaneo a causa di un sovradosaggio di vitamina B6 (piridossina e piridossamina). La maggior parte della funzione compromessa si interrompe poco dopo che l’assunzione di vitamine torna alla normalità. La compromissione può anche essere causata da fattori citotossici come la chemioterapia. Un esempio facilmente osservabile di compromissione propriocettiva temporanea può essere visto in individui ubriachi sottoposti a test di sobrietà (cercando di toccare il naso).

È stato proposto che anche i comuni acufeni e le relative lacune uditive mascherate dai suoni percepiti possano causare informazioni propriocettive errate ai centri di equilibrio e comprensione del cervello, e precipitare una lieve confusione.

Danno permanente: La propriocezione è anche ridotta nei pazienti che soffrono di ipermobilità articolare o della sindrome di Ehlers-Danlos (una condizione genetica che provoca un tessuto connettivo debole in tutto il corpo).

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Qual è un esempio di propriocezione?

Esempi di propriocezione includono l’essere in grado di camminare o calciare senza guardare i piedi o essere in grado di toccarsi il naso con gli occhi chiusi. Alcune cose possono influenzare la propriocezione.

Cos’è la propriocezione e perché è importante?

La propriocezione come la capacità di un organismo di percepire la posizione e i movimenti delle articolazioni e la percezione della forza nello spazio ci permette di capire meglio il nostro movimento e la postura. La propriocezione è strettamente legata all’equilibrio.

Cos’è la propriocezione e quali sono i recettori?

Comprendono i sensi di posizione e movimento dei nostri arti e del tronco, il senso dello sforzo, il senso della forza e il senso di pesantezza. I recettori coinvolti nella propriocezione si trovano nella pelle, nei muscoli e nelle articolazioni. … I segnali indifferenti generati durante un movimento vengono elaborati per codificare la posizione del punto finale di un arto.

Cos’è la teoria propriocettiva?

La propriocezione è spesso chiamata il nostro sesto senso nascosto. … Lo stiramento dei nostri muscoli e i cambiamenti di posizione delle nostre articolazioni che si verificano quando ci muoviamo sono chiamati feedback propriocettivi. Questo permette al nostro cervello di sapere dove sono le nostre braccia, gambe e corpo in qualsiasi momento, il che è importante per la nostra coordinazione.

Quali sono i tre tipi di propriocettori?

La maggior parte dei vertebrati possiede tre tipi fondamentali di propriocettori: i fusi muscolari, che sono incorporati nei muscoli scheletrici, gli organi tendinei del Golgi, che si trovano all’interfaccia di muscoli e tendini, e i recettori articolari, che sono meccanorecettori a bassa soglia incorporati nelle capsule articolari.

Come si riabilita la propriocezione?

La riabilitazione della propriocezione spesso include:Esercizi di equilibrio. … Tai Chi, che migliora la propriocezione degli arti inferiori e Yoga, che migliora l’equilibrio e la forza muscolare. … addestramento alla stimolazione somatosensoriale, come la terapia delle vibrazioni, diverse consistenze (batuffolo di cotone vs. … Addestramento al riposizionamento delle articolazioni (compiti di abbinamento delle articolazioni).

Si può migliorare la propriocezione?

La propriocezione può peggiorare con l’età, le lesioni o le malattie, rendendo le attività quotidiane più difficili e aumentando il rischio di lesioni e cadute. Fortunatamente, l’aggiunta di esercizi di allenamento della propriocezione alla vostra routine può ridurre il rischio di lesioni e migliorare i vostri livelli di fitness.

Perché abbiamo bisogno della propriocezione?

La propriocezione è molto importante per il cervello perché gioca un ruolo importante nell’autoregolazione, nella coordinazione, nella postura, nella consapevolezza del corpo, nella capacità di attenzione e concentrazione e nel linguaggio.

Come si testa la propriocezione?

Il senso della posizione (propriocezione), un’altra modalità sensoriale DCML, viene testato tenendo l’articolazione più distale di un dito per i lati e muovendolo leggermente in alto o in basso. In primo luogo, dimostrate il test con il paziente che guarda in modo che capisca cosa si vuole, poi eseguite il test con gli occhi chiusi.

Cos’è il sesto senso?

Questo senso si chiama propriocezione (pronunciato “pro-pree-o-ception”); è la consapevolezza di dove sono i nostri arti e di come il nostro corpo è posizionato nello spazio. E come gli altri sensi – vista, udito e così via – aiuta il nostro cervello a navigare nel mondo. Gli scienziati a volte lo chiamano il nostro “sesto senso”.

Qual è la differenza tra equilibrio e propriocezione?

La propriocezione è definita come il senso di sapere dove si trova una parte del corpo nello spazio in qualsiasi momento. Questo riduce la propriocezione all’articolazione della caviglia e, al momento della valutazione, si nota una perdita di equilibrio. … È necessario riqualificare questo equilibrio per garantire un ritorno funzionale completo al complesso della caviglia.

La propriocezione può essere ripristinata?

Mentre ci sono ancora alcune cose che non sono chiare ai ricercatori e ai professionisti medici riguardo al miglioramento (o al ripristino) della propriocezione, la maggior parte concorda sul fatto che un programma di movimento funzionale ben progettato o un piano di trattamento con alcuni degli esercizi menzionati può migliorare le prestazioni e diminuire il rischio di …

Come si attiva la propriocezione?

Attività che stimolano il senso propriocettivo:Spingere (per esempio contro il pavimento nella posizione del granchio, della montagna o del cane)Tirare (tiro alla fune, o remare delicatamente con un partner nella posizione della barca)Stringere (nella posizione del topo)Arrampicarsi o sollevare.Allungare (per esempio allungare tutto il corpo nella posizione del fiore che cresce o della stella marina)

Come spieghi la propriocezione?

La propriocezione è la consapevolezza del corpo nello spazio. È l’uso del senso della posizione delle articolazioni e del movimento delle articolazioni per rispondere alle sollecitazioni poste sul corpo dall’alterazione della postura e del movimento.

Quale parte del cervello controlla la propriocezione?

cervelletto
Questo controllo proviene dal cervelletto, la parte del cervello che riguarda l’equilibrio.

Articolo precedente

Un esagono può essere concavo?

Articolo successivo

Come si chiama un gambo di mais?

You might be interested in …