1 Dicembre 2021
Expand search form

Il bianco morbido e il bianco caldo sono la stessa cosa?

Confuso sulle differenze tra i colori di illuminazione? Ti aiuteremo a scegliere ciò che è meglio per la tua casa.

Ti sei mai trovato in mezzo alla corsia delle lampadine del tuo negozio di ferramenta locale a chiederti quale colore di lampadina intelligente fosse meglio per la tua casa? Il problema con molti colori di lampadine è che sembrano molto simili. Bianco tenue, bianco caldo, luce diurna, bianco freddo – ma il bianco non è semplicemente bianco? Perché alcune lampadine “bianche” sembrano gialle?

Impariamo a svelare il mistero di queste denominazioni di colore ed esaminiamo quale temperatura della lampadina è migliore per la tua casa intelligente.

Bianco morbido vs bianco caldo vs lampadine luce del giorno

La prima cosa che dovresti sapere nella battaglia della lampadina è che ogni tipo di lampadina bianca indica un punto di riferimento sulla scala Kelvin. Questa scala indica la temperatura di colore di una lampadina. La denominazione della temperatura di colore veniva dalle lampadine a incandescenza e si riferiva al colore dell’elemento metallico all’interno della lampadina. Man mano che l’elemento metallico aumentava di temperatura, la luce cambiava da un bagliore giallastro a un bianco bluastro brillante.

Se vuoi saperne di più sulla relazione tra colore e temperatura, ci sono molte risorse che puoi cercare. Tuttavia, non è necessario conoscere tutta la scienza per capire come leggere la temperatura di colore di specifiche lampadine.

Quello che devi sapere è che ogni valore Kelvin indica un livello di “calore” o “freddezza”. Più alto è il valore, più fredda o meno gialla sarà la lampadina.

All’estremità bassa dello spettro ci sono le lampadine bianche morbide e bianche calde. Le lampadine bianche morbide di solito misurano circa 2.700 Kelvin. Nonostante il loro nome, le lampadine bianche calde sono un po’ meno calde a circa 3.000-4.000 Kelvin.

All’altra estremità dello spettro ci sono le lampadine bianche fredde a circa 4.000 Kelvin e le lampadine diurne, che sono ancora meno calde a 5.000-6.500 Kelvin. Con le lampadine a luce diurna, ci si può aspettare una luce brillante, quasi blu, che imita il sole di metà giornata.

Effetto dell’illuminazione sull’umore

Probabilmente hai già sentito il termine “illuminazione d’atmosfera” per riferirsi a un ambiente poco illuminato o romantico. Ora pensa alla temperatura di colore di questo tipo di illuminazione. È luminosa e fluorescente, o è più accogliente come un fuoco scoppiettante? Probabilmente la seconda, giusto?

Non è un segreto che la luce influenza il modo in cui le persone si sentono. Uno studio fatto dalla Harvard Medical School e dal Brigham and Women’s Hospital afferma che la luce è lo spunto più cruciale nella regolazione di molti processi biochimici e fisiologici.

La luce calda tende a far sentire le persone rilassate e a proprio agio. D’altra parte, una luce più fredda tende a far sentire la maggior parte delle persone energizzate ed eccitate. Ecco perché stare su una spiaggia assolata è così bello. Ed è anche il motivo per cui essere bloccati sotto una luce fluorescente per ore può farvi sentire esausti.

La maggior parte degli ambienti d’ufficio beneficia di un’illuminazione più fredda perché mantiene i lavoratori vigili e produttivi. Ma un altro studio pubblicato su The Journal of Clinical Endocrinology afferma che un’eccessiva luce blu – luce emessa a temperature più elevate – può influenzare negativamente la capacità di una persona di dormire correttamente.

Alcune aziende, come Apple, offrono anche Night Shift, che blocca la luce blu dai dispositivi mobili in determinati momenti della giornata.

Scegliere la giusta temperatura della luce

Potresti immaginare di entrare in un ufficio dove l’illuminazione sembra quella di una cena? O che ne dici di fare una chiacchierata al caminetto sotto dei fluorescenti accecanti? Come potete vedere, selezionare la giusta temperatura di illuminazione è importante. Ma come si dovrebbe fare?

Bene, abbiamo compilato una lista delle migliori temperature di illuminazione in base ad ogni stanza. Capite, questi sono solo suggerimenti perché la preferenza personale gioca un ruolo in quale temperatura di colore si seleziona.

Se vuoi che la tua camera da letto imiti una giornata di sole quando accendi le luci al mattino, per esempio, allora sentiti libero di usare la luce del giorno o lampadine bianche fredde. Basta capire che probabilmente avrai un sonno peggiore se stai usando queste luci di notte.

Soggiorno/Cucina: Queste aree beneficiano di una luce morbida e calda: 2.700-3.500K. Vuoi che la tua cucina e i tuoi salotti si sentano confortevoli e rilassanti. Gli interruttori dimmer sono eccellenti anche in questo contesto. Inoltre, se guardi la televisione nel tuo spazio vitale, potresti voler acquistare una protezione per lo schermo che blocca la luce blu per il tuo televisore. Queste protezioni assicurano che dopo il binge-watching della tua serie preferita, sarai ancora in grado di dormire bene.

Camere da letto: Le lampadine bianche morbide funzionano bene nelle camere da letto: 3,000K. La maggior parte delle lampadine a incandescenza sono intorno a questa temperatura. Simile alle aree di soggiorno, le camere da letto di solito non beneficiano di luci a temperatura più fredda. Ma, se hai qualcosa come una vanità, allora alcune lampadine bianche fredde possono aiutarti a vedere il contrasto molto meglio delle loro controparti più calde.

Bagni: Il bianco da caldo a freddo è il migliore per i bagni: 3.500-5.000K. Questa gamma di temperatura è davvero fino alle preferenze personali, ma le lampadine super cool non sono sempre le migliori per questa applicazione. Detto questo, le lampadine più fredde sono ottime per l’applicazione del trucco, e la luce blu fa pop apparecchi cromati. Se avete un certo numero di questi apparecchi nel vostro bagno o volete il contrasto extra che le lampadine più fredde portano, non abbiate paura di provarli.

Spazi per l’ufficio/Garage: Questo è il posto migliore per le lampadine bianche più fredde: 4,000-6,500K. Utilizzando le lampadine di questa temperatura vi permetterà di sentirsi energico quando avete bisogno di ottenere qualche lavoro fatto.

Una nota su lumen, CRI e watt

Mentre la temperatura di colore è fondamentale nel determinare l’umore, dovresti anche considerare la luminosità della lampadina.

Troppa luce a qualsiasi temperatura è altrettanto male come troppo poco. E, mentre l’illuminazione è misurata in lumen, il wattaggio gioca ancora un ruolo significativo nel determinare la luminosità delle lampadine a incandescenza.

In precedenza, l’esame del wattaggio poteva indicare quanto fosse luminosa una lampadina. Tuttavia, le lampadine a LED usano molto meno wattaggio delle tradizionali lampadine a incandescenza. Per esempio, una lampadina a incandescenza che consuma circa 60W emetterà molta meno luce di un LED equivalente. Per la stessa emissione di lumen, un LED consuma solo 8-12W.

Se hai passato la tua casa intelligente ai LED, i lumen dovrebbero essere l’indicatore principale della luminosità della lampadina. Se vuoi determinare quante luci ti servono in una stanza, puoi usare un calcolatore di lumen e wattaggio per aiutarti.

L’indice di resa dei colori (CRI) è un altro valore che potresti incontrare nella tua ricerca di illuminazione intelligente. Questo valore indica la rappresentazione della precisione del colore che una luce può riprodurre. CRI è più importante per cose come la fotografia. Valori CRI di 90+ di solito indicano una lampadina più accurata del colore.

Godetevi la vostra illuminazione perfetta casa intelligente

Mentre la navigazione l’illuminazione adeguata per il vostro spazio può a volte sentire scoraggiante, si può facilmente scegliere l’illuminazione che funziona meglio per voi una volta che si capisce come funziona la scala di temperatura di colore. Capire l’effetto dell’illuminazione sull’umore può anche giocare un ruolo nel modo migliore per illuminare il tuo spazio.

Ottenere una grande illuminazione per la tua casa intelligente non deve essere un lavoro di routine. Inoltre, dovresti sentirti libero di sperimentare. Quando si tratta di illuminazione, non ci sono regole rigide e veloci. Se volete una zona cucina più fresca o una zona bagno più calda, scegliete ciò che funziona meglio per voi.

La tua casa intelligente dovrebbe sempre essere un luogo in cui ti senti a tuo agio, e avere un’illuminazione che ti piace è uno dei modi più semplici per farlo accadere.

Lampadine intelligenti sono anche una delle categorie che è possibile risparmiare un po ‘di soldi quando si costruisce una casa intelligente.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Qual è la differenza tra bianco morbido e bianco freddo?

Le lampadine che forniscono luce a circa 3000K a 3500K possono essere considerate “bianche” o “bianche morbide”. Le lampadine che forniscono luce a circa 4100K a 5000K sono considerate “bianco freddo” e queste iniziano ad avere una sensazione leggermente blu.

Qual è la differenza tra bianco caldo e bianco?

Il bianco caldo è un giallastro che assomiglia a una tradizionale luce a incandescenza o alogena. Il bianco freddo, invece, si avvicina alle sfumature di blu e assomiglia di più alla luce che si otterrebbe da un neon.

Il bianco morbido va bene per il bagno?

Anche in questo caso, i LED a luce bianca morbida sono una buona scelta, in particolare le lampadine omnidirezionali a forma di A che sono anche buone per la lettura. Bagno – A differenza delle camere da letto, le CFL e i LED con temperature di colore nell’intervallo tra il bianco brillante e la luce del giorno (5000K – 6500K) sono ideali per una vera precisione e chiarezza dei colori.

Cos’è più luminoso, bianco tenue o bianco freddo?

La luce bianca fredda contiene più luce blu e sembra più luminosa all’occhio (questo è il motivo per cui le lampadine bianche fredde hanno una resa lumen più alta rispetto alla lampadina bianca calda equivalente). Sembra anche che le persone provenienti da paesi più soleggiati tendano a preferire la luce bianca rispetto alle persone provenienti da paesi più freddi che preferiscono una luce più calda.

Quale luce è meglio per gli occhi, gialla o bianca?

Luce gialla: Qual è meglio per gli occhi quando si legge e si studia. Alcune persone scelgono la luce gialla per leggere, ma altri preferiscono quella bianca come opzione migliore. … Alcuni esperti sostengono che si dovrebbe usare una luce di colore giallo sotto i 3000 K sulla scala della temperatura di colore per la lettura notturna.

Le lampadine a luce diurna fanno male agli occhi?

Uno studio pubblicato nel 2011 sull’American Journal of Public health ha trovato un aumento del 12% delle malattie degli occhi causate dall’esposizione a luci fluorescenti fredde e brillanti. Pensa agli spazi dove passi la maggior parte del tuo tempo.

Cosa è meglio bianco caldo o bianco freddo?

Mentre il bianco freddo è ottimo nelle cucine moderne e dove più luminoso è meglio è, il bianco caldo funziona molto meglio dove si cerca una luce più morbida. È particolarmente adatto a salotti, soggiorni e cucine tradizionali, come lo stile country, dove la luce bianca contrasta troppo con il resto della stanza.

Dovrei usare lampadine a luce bianca soffusa o a luce diurna in bagno?

In generale, le lampadine a luce diurna sono considerate la scelta migliore per i bagni, anche se alcune persone preferiscono un bianco più morbido per l’atmosfera o l’estetica. Inoltre, molte delle lampadine da bagno più popolari hanno una valutazione CRI di 90+, indicando il contrasto di colore superiore e la vivacità.

È meglio il bianco caldo o il bianco freddo per i bagni?

La luce intorno a 2700K tende ad avere una sensazione più calda e accogliente ed è più lusinghiero per i toni della pelle e tavolozze di colori più caldi. La luce intorno ai 3000K ha una sensazione più luminosa e croccante e tende ad essere più lusinghiera per le palette di colori più freddi, si legge più come una luce bianca neutra.

La luce bianca fa male agli occhi?

Le lampadine bianche e fredde dei tubi fluorescenti e le lampadine a incandescenza emettono la maggior parte delle radiazioni UV e causano i maggiori danni agli occhi. … Dichiarano anche che l’esposizione prolungata alla luce del sole, soprattutto negli anni dell’adolescenza e per coloro che non indossano protezioni per gli occhi, può anche portare a danni agli occhi.

La luce bianca dei LED fa male agli occhi?

Gli scienziati degli Stati Uniti e dell’Europa avvertono che le luci LED potrebbero fare più male che bene: Uno studio spagnolo del 2012 ha scoperto che le radiazioni LED possono causare danni irreversibili alla retina.

Le luci a LED fanno male agli occhi 2020?

La prima grande preoccupazione che la gente ha sui LED riguarda i nostri occhi. Dal momento che i LED sono così luminosi, ci sono domande se possano o meno fare danni ai nostri occhi se usati in modo prolungato. Non preoccupatevi, però. La risposta breve a questo è no, non faranno male ai tuoi occhi.

Che tipo di lampadina è meglio per gli occhi?

La luce naturale da 4.900 a 6.500 K è la soluzione migliore per gli occhi che permette un lavoro confortevole. La luce fredda di 6.500 K offre un eccellente livello di luminosità e migliora l’attenzione generale.

Qual è la lampadina più sana da usare?

incandescente
Suggeriamo di usare lampadine a incandescenza o alogene per tutto il giorno + la notte se cerchi un maggiore senso di benessere. Inoltre – a differenza della maggior parte delle lampadine a LED o fluorescenti tremolanti – le incandescenti (e le alogene con correzione del colore come Chromalux®) saranno anche il tipo di luce più salutare per i vostri occhi!

È meglio il bianco freddo o il bianco caldo?

Mentre il bianco freddo è ottimo nelle cucine moderne e dove più luminoso è meglio è, il bianco caldo funziona molto meglio dove si cerca una luce più morbida. È particolarmente adatto a salotti, soggiorni e cucine tradizionali, come lo stile country, dove la luce bianca contrasta troppo con il resto della stanza.

Articolo precedente

Chi ha vinto l’album rap dell’anno 2019?

Articolo successivo

Dove vengono prodotti i portatori di elettroni?

You might be interested in …