6 Dicembre 2021
Expand search form

Le bacche di ginepro Blue Rug sono commestibili?

bacche di ginepro

A metà del 17° secolo, un medico olandese di nome Francis Sylvius creò e commercializzò un tonico diuretico a base di bacche di ginepro. Questo tonico, ora conosciuto come gin, divenne immediatamente un grande successo in tutta Europa come una bevanda alcolica economica, domestica e che produceva ronzio, piuttosto che il tonico medicinale che Sylvius aveva inteso essere. Tuttavia, per secoli prima che Sylvius sviluppasse il suo tonico alle bacche di ginepro, le bacche di ginepro erano già state usate come forte aromatizzante per il vino, l’idromele e altre bevande alcoliche, oltre che come spezia per carni, stufati, crauti e altri piatti. Dopo aver letto questo, potresti chiederti se tutte le bacche di ginepro sono commestibili? Continuate a leggere per questa risposta.

Le bacche di ginepro sono velenose?

In primo luogo, è importante dare un’occhiata più da vicino a ciò che consideriamo una bacca di ginepro. Il ginepro è una conifera che si trova naturalmente in molte parti del mondo. Si possono trovare sotto forma di piccoli arbusti tentacolari, arbusti di medie dimensioni, fino ad alberi di medie dimensioni. Le varietà di ginepro sono originarie del Nord America, dell’Europa e dell’Asia.

Nel corso della storia, diverse parti del ginepro sono state usate in diverse ricette culinarie e medicinali, anche se sono le bacche di ginepro ad essere usate nelle ricette più degne di nota del ginepro. Tuttavia, queste “bacche” non sono affatto bacche; sono in realtà i coni carnosi dei ginepri femmina, che hanno scaglie così piccole e compatte da avere un aspetto simile alle bacche.

Durante il Medioevo, le bacche di ginepro erano usate per allontanare malattie e infezioni. Anche se una parte di questo può essere stata la peste-paranoia, le bacche di ginepro hanno proprietà antisettiche, antinfiammatorie e antivirali. I nativi americani usavano le bacche di ginepro come medicina per curare mal di gola, raffreddori, dolori, febbre, mal di testa, infiammazioni articolari, vertigini, calcoli renali, così come per insaporire la selvaggina, i dolci e il pane. Si dice che il sapore delle bacche di ginepro attenui la selvaggina di cervo, cinghiale, uccelli acquatici e altre carni di selvaggina.

Il rivestimento polveroso sulle bacche di ginepro è in realtà un lievito selvatico, quindi le bacche di ginepro sono state anche usate per secoli nella produzione di birra e pane; molte ricette di lievito naturale richiedono bacche di ginepro. In Germania, gli autentici sauerbraten e i crauti sono fatti con le bacche di ginepro.

Le bacche di ginepro non si mangiano a manciate, direttamente dal cespuglio come i mirtilli dolci e succosi che assomigliano. Le bacche di ginepro hanno un sapore forte, amaro, leggermente pepato e una consistenza grintosa. Invece, solo una piccola quantità di bacche di ginepro mature viene aggiunta alle ricette come aroma o spezia. Possono essere aggiunte intere e fresche dall’arbusto a marinate, sfregamenti di carne, trucioli di legno quando si affumicano le carni, o aggiunte alle carni in salamoia.

Le bacche di ginepro possono anche essere aggiunte a risciacqui per capelli, aceti o oli per favorire la lucentezza dei capelli. Le bacche intere sono anche aggiunte a tè e tinture per le loro qualità medicinali e macinate in pomate per la cura delle ferite. Le bacche di ginepro possono impiegare circa due anni per maturare per l’uso. Quando sono mature, diventano di un colore blu polveroso o nero. Le bacche di ginepro mature, ma ancora verdi, sono usate per fare il gin.

Si possono mangiare le bacche di ginepro raccolte?

Ora, prima di iniziare a cercare le bacche di ginepro nel tuo cortile, è importante considerare alcune cose. Prima di tutto, è sicuro mangiare bacche di ginepro? Ci sono oltre 45 tipi diversi di ginepro. Tutte le bacche di ginepro contengono il potente olio Thujone. Questo olio può causare disturbi di stomaco, diarrea e problemi renali se ingerito in grandi quantità.

Alcune varietà di bacche di ginepro contengono sicure e basse quantità di Thujone, mentre altre varietà contengono alti livelli e possono farvi stare molto male. Il ginepro comune, Juniperus communisè la varietà più spesso usata per fare il gin, le medicine e le pietanze, poiché è considerata sicura per il consumo umano.

Altre bacche di ginepro commestibili includono:

  • Juniperus drupacea
  • Juniperus phoenicea
  • Ginepro californiano
  • Juniperus deppeana

NOTA: Le bacche di Juniperus sabina e Juniperus oxycedrus non sono sicure per il consumo umano e dovrebbero essere evitate. Assicurati di consumare solo le bacche di una varietà che sai essere sicura.

Devi anche considerare la posizione quando cerchi le bacche di ginepro. Come con qualsiasi pianta commestibile, non si vuole mangiare nulla che possa essere stato esposto a sostanze chimiche dannose. Evitare di raccogliere da ginepri che crescono lungo strade, parcheggi, passi carrai, o paesaggi trattati con pesticidi o dove possono ricevere deriva chimica o deflusso.

Inoltre, le bacche di ginepro non sono generalmente considerate sicure per le donne incinte o che allattano. Manipolare le piante di ginepro può causare irritazioni della pelle, quindi i guanti possono aiutare.

Articolo precedente

Come posso identificare la mia passiflora?

Articolo successivo

Come si fa a sturare lo scarico di una vasca idromassaggio?

You might be interested in …