2 Dicembre 2021
Expand search form

Perché il primo grattacielo è stato importante?

L'Home Insurance Building è stato costruito con una struttura in acciaio nel 1885 dopo che il Grande Incendio di Chicago aveva distrutto parti della città prevalentemente in legno nel 1871.

Non sorprenderà nessuno sapere che il primo grattacielo è stato costruito negli Stati Uniti, ma qualcuno si sorprenderà di sapere che è stato costruito a Chicago. Mentre Manhattan non ci mise molto a rivendicare come proprio il grattacielo con struttura in acciaio, il boom dei grattacieli iniziò nella capitale del Midwest americano nel 1885 con l’Home Insurance Building di William Le Baron Jenney, che raggiunse la sua allora impressionante altezza di 10 piani (e, dopo un’aggiunta del 1890, 12) per mezzo del metallo, piuttosto che della semplice muratura.

Secondo la leggenda, Jenney, ingegnere di formazione e compagno di classe all’École Centrale di Parigi di Gustave Eiffel (progettista dell’omonima torre), sospettò per la prima volta che uno scheletro di ferro potesse reggere un edificio quando vide sua moglie mettere un libro pesante in cima a una piccola gabbia per uccelli, che ne sostenne facilmente il peso. Questo aprì un nuovo capitolo nella storia delle torri, aiutato dal Grande Incendio di Chicago (in cui più di tre miglia quadrate della città centrale, per lo più in legno, bruciarono al suolo nel 1871), e dall’impetuosa economia di Chicago del 1880.

Secondo la leggenda, Jenney sospettò per la prima volta che uno scheletro di ferro potesse reggere un edificio, quando vide sua moglie mettere un libro pesante in cima a una piccola gabbia per uccelli, che ne sostenne facilmente il peso.

L’Home Insurance Building pesava solo un terzo di quanto sarebbe stato in pietra. Fotografia: Corbis

Per ovvie ragioni, quando la Home Insurance Company di New York volle una nuova sede a Chicago nel centro sgombro della città, la volle a prova di fuoco, ma la volle anche alta, per ospitare “un numero massimo di piccoli uffici sopra il piano della banca”. Il progetto di Jenney con struttura metallica vinse il loro concorso aperto, non solo grazie alla relativa resistenza al fuoco dei suoi materiali, ma all’ulteriore protezione offerta dalle sue colonne di ferro esterne, ricoperte di pietra.

A differenza dei suoi predecessori – le generazioni di grandi edifici sostenuti da nient’altro che le loro stesse pareti in muratura – l’Home Insurance Building non avrebbe dovuto diventare più spesso, più scuro, più soffice e più pesante per diventare più alto. In ferro e acciaio pesava solo un terzo di quanto avrebbe pesato in pietra.

Spandrel in terracotta sull'Home Insurance Building.

Spandrel in terracotta sull’Home Insurance Building, 1931. Fotografia: Museum of Science and Industry, Chicago/Getty

Non tutti accettarono immediatamente la bontà del progetto di Jenney. “Dove c’è un edificio simile?” chiese il comitato quando gli fu presentato il progetto. “Il vostro edificio a Chicago sarà il primo”, rispose Jenney.

Dopo l’inizio della costruzione, la Home Insurance Company e la città di Chicago fermarono temporaneamente il progetto per indagare ulteriormente se l’edificio potesse davvero reggersi da solo. Poco dopo, Jenney ebbe l’idea di passare da un telaio di ferro a un nuovo materiale esotico, l’acciaio, utilizzando una fornitura offertagli dalla Carnegie-Phipps Steel Company di Pittsburgh. Questo suscitò ancora più scetticismo. Una retrospettiva del 1962 della rivista Life sulle origini del grattacielo ricorda come “un critico eccitato terrorizzò i suoi compagni in una riunione di protesta impersonando le contorsioni di una trave d’acciaio esposta a un improvviso cambiamento di temperatura”.

Ma nel caso, non solo l’Home Insurance Building ha resistito, ma è venuto a rappresentare un intero movimento architettonico, vagamente definito la Scuola di Chicago, che ha dato forma costruita all’ambizione americana orgogliosa, dalle spalle quadrate e tecnologicamente avanzata che ha spinto il paese in avanti alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo.

Gli architetti esaminano la struttura dell'Home Insurance Building durante la sua demolizione nel 1931

L’architetto americano Andrew Nicholas Rebori e colleghi esaminano la struttura dell’Home Insurance Building durante la sua demolizione nel 1931. Fotografia: Museum of Science and Industry, Chicago/Getty

Sebbene esteticamente uniti solo da quello che alcuni storici chiamano “stile commerciale”, gli architetti della Scuola di Chicago condividevano l’interesse di creare edifici alti e innovativi, uno sforzo sostenuto non solo dall’acciaio ma dall’elettricità necessaria per tenere accese le luci e in funzione gli ascensori. Il gruppo comprendeva gli architetti Dankmar Adler e Louis Sullivan, il cui studio avrebbe dato il via a Frank Lloyd Wright, e Daniel Burnham, che nel 1902 avrebbe progettato il primo grattacielo di New York City, ancora in piedi e ancora sorprendente, il Flatiron Building.

Sviluppando e raffinando il concetto di grattacielo, l’influenza della Scuola di Chicago non solo ha cambiato il modo in cui abbiamo costruito le città nel 20° secolo, inaugurando densità prima impensabili, ma rimane visibile nelle più recenti aggiunte ai principali skyline di oggi. Il progetto di Jenney diede al modesto quartiere centrale degli affari di Chicago – ora conosciuto come il Loop – un modo per espandersi verso l’alto, piuttosto che verso l’esterno. Era un concetto i cui limiti New York, e più tardi altre capitali mondiali, avrebbero continuato a spingere nel corso del secolo successivo.

Un'impressione dell'artista di LaSalle Street, Chicago nel 1890

Un’impressione dell’artista di LaSalle Street, Chicago nel 1890, cinque anni dopo la nascita dell’Home Insurance Building. Fotografia: Glasshouse Images/Rex

Gli anni Quaranta videro l’emergere di una “seconda scuola di Chicago”, che portò il lavoro pionieristico in nuove direzioni – verso l’alto, per la maggior parte. Questo movimento guadagnò slancio durante il periodo del modernista tedesco Ludwig Mies van der Rohe all’Illinois Institute of Technology di Chicago, innovando con strutture 3D “a tubo”, proprio come la prima scuola di Chicago aveva innovato con travi in acciaio. L’ingegnere del Bangladesh Fazlur Khan fece i primi passi più audaci con le strutture tubolari, usandole per progettare le torri John Hancock e Sears (ora Willis) della città.

Queste strutture tubolari hanno continuato a rendere possibile il tipo di grattacieli che stabiliscono record mondiali e plasmano l’identità delle loro città – edifici come il World Trade Center di New York, le Petronas Towers di Kuala Lumpur e persino la Kingdom Tower di Jeddah, che con 167 piani sarà l’edificio più alto del mondo. Anche se il grattacielo in sé conta come un’invenzione quintessenzialmente americana, gli esempi più audaci appaiono ora soprattutto fuori dagli Stati Uniti.

Jenney credeva nella progettazione di edifici a lungo termine, in modo che le generazioni future potessero “leggere i sentimenti e le aspirazioni di coloro che li hanno eretti”. Ahimè, il suo capolavoro cadde nel 1931 per far posto a un altro grattacielo, il Field Building (oggi LaSalle Bank Building). Ma la sua eredità vive in ogni grande città, luoghi che semplicemente non possiamo immaginare senza i grattacieli molto più alti ed eleganti costruiti negli ultimi 130 anni, ognuno dei quali deve qualcosa all’Home Insurance Building.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Perché è stata importante l’invenzione del grattacielo?

Ridurre i costi degli alloggi, livellare la disuguaglianza e permettere a più persone di vivere nei centri urbani sono tre delle ragioni fondanti per cui sono stati costruiti i grattacieli.

Perché il grattacielo è importante?

Allora, perché abbiamo bisogno di grattacieli? La risposta è semplice: più spazio per più lavoratori, o nel quadro residenziale, più residenti. In linea con l’aumento della densità della popolazione e con i progressi dell’ingegneria, i limiti di altezza in tutto il mondo vengono rivisti e rivisti per massimizzare lo spazio per la crescita commerciale e residenziale.

A cosa servivano i primi grattacieli?

Il primo grattacielo è generalmente considerato l’Home Insurance Building di Chicago, anche se era alto solo 10 piani. In seguito, edifici sempre più alti furono resi possibili grazie a una serie di innovazioni architettoniche e ingegneristiche, tra cui l’invenzione del primo processo di produzione di massa dell’acciaio.

Qual è stato l’impatto del grattacielo?

È abbastanza chiaro che i grattacieli hanno influenzato significativamente New York in termini di società e affari. Offrendo una grande quantità di opportunità, i grattacieli offrivano un nuovo regno ai cittadini, che collegava le imprese sia ai newyorkesi medi che ai turisti.

Qual è stato il primo grattacielo al mondo?

L’Home Insurance Building
L’Home Insurance Building, costruito nel 1885 e situato all’angolo tra Adams e LaSalle Streets a Chicago, Illinois, è passato alla storia come il primo grattacielo moderno del mondo.

Quale città è conosciuta come la città dei grattacieli?

New York
Perché New York è conosciuta come la città dei grattacieli? A causa della presenza di una serie di alti grattacieli, il soprannome di città dei grattacieli è dato a nient’altro che New York. Molti degli edifici più alti del mondo si trovano a New York, come One Trade Centre, Park Avenue e Empire State Building ecc.

Qual è la durata di vita di un grattacielo?

La vita media degli edifici più alti demoliti è di soli 41 anni, evidenziando il punto di Wood che gli ingegneri e i proprietari devono considerare come le loro strutture saranno usate decenni o addirittura centinaia di anni nel futuro.

Qual è l’edificio più alto del mondo?

Con oltre 828 metri (2.716,5 piedi) e più di 160 piani, il Burj Khalifa detiene i seguenti record: Edificio più alto del mondo. Struttura indipendente più alta del mondo.

Qual è il grattacielo più antico del mondo?

l’Home Insurance Building
Il primo grattacielo del mondo fu l’Home Insurance Building di Chicago, eretto nel 1884-1885. Il cosiddetto “Padre del Grattacielo” era alto 10 piani con il suo picco a 138 piedi, miniaturizzato per gli standard odierni ma gargantuesco a quel tempo.

Qual è il primo grattacielo del mondo?

L’edificio delle assicurazioni domestiche
L’Home Insurance Building, costruito nel 1885 e situato all’angolo tra Adams e LaSalle Streets a Chicago, Illinois, è passato alla storia come il primo grattacielo moderno del mondo.

Quanti piani sono considerati un grattacielo?

Gli edifici di media altezza sono definiti come edifici che hanno da 5 a 12 piani. I grattacieli sono definiti come edifici che hanno 13 piani o più. I grattacieli sono edifici con più di 40 piani e sono considerati parte della categoria dei grattacieli.

Quale paese ha più grattacieli?

Cina
PaesiNumero di edificiClassificaPaese150m+1Cina2.5462Stati Uniti8383Emirati Arabi Uniti30540 altre righe

Quale città ha il maggior numero di grattacieli?

Città con più grattacieli a livello globale 2018 Al momento, Hong Kong era di gran lunga la città con più grattacieli al mondo, con 317 grattacieli. A causa dei terreni limitati disponibili per le nuove costruzioni, la città si affida a grattacieli e palazzi per la sua enorme popolazione e la sua economia in crescita.

I grattacieli crollano mai?

Strutture apparentemente solide come la roccia in tutto il mondo si sono incrinate, spaccate e disintegrate proprio sotto i piedi della gente. In alcuni casi, ci sono voluti non più di dieci secondi perché gli edifici torreggianti crollassero, trasformandosi in cumuli fumanti di detriti maciullati e seppellendo tutti coloro che si trovavano all’interno.

Chi è il proprietario del Burj Khalifa?

Emaar Properties
Burj Khalifa/Proprietari

Emaar Properties PJSC è il Master Developer del Burj Khalifa ed è anche una delle più grandi società immobiliari del mondo. Mohamed Alabbar, presidente di Emaar Properties, ha detto: “Il Burj Khalifa va oltre le sue imponenti specifiche fisiche.

Articolo precedente

Dante richiede un cablaggio di rete speciale?

Articolo successivo

Come si insegnano le parole di significato multiplo alla strategia?

You might be interested in …

Sa parlare il farsi?

Il persiano, noto ai madrelingua iraniani come Farsi, è la lingua ufficiale dell’Iran moderno, di parti dell’Afghanistan e della repubblica centroasiatica del Tagikistan. Il persiano è uno dei membri più importanti del ramo indo-iraniano della […]