20 Dicembre 2021
Expand search form

Perché Medea ha ucciso Pelias?

Giasone era il figlio di Esone, il legittimo re di Iolco. Prima che Giasone nascesse, suo zio, Pelias, aveva preso il trono di Esone. Esone e sua moglie vivevano ancora a Iolco, ma vivevano con la costante minaccia di morte su di loro. Dopo la nascita di Giasone, per proteggerlo dall’ira dello zio, Esone mandò suo figlio sul vicino monte Pelio per essere allevato dal centauro [vedi Centauri], Chirone.

Per anni, Pelia visse nella paura di un uomo con un solo sandalo, perché gli era stato detto dall’oracolo delfico che era destinato ad essere ucciso da un uomo che indossava un solo sandalo. Quando Giasone compì ventuno anni, decise di reclamare il trono e tornò a Iolcus per affrontare suo zio. Per arrivarci, doveva attraversare un fiume, e sulla riva sedeva una vecchia donna che chiedeva di essere portata dall’altra parte. Giasone non sapeva che la donna era Hera sotto mentite spoglie, che metteva alla prova il giovane per vedere se era degno di aiutarla a distruggere Pelìa, che l’aveva disprezzata molte volte. Nel processo di trasporto della dea attraverso l’acqua, Giasone perse uno dei suoi sandali e continuò il resto del percorso indossandone solo uno.

Come Giasone fu mandato a riportare il vello d’oro

Una volta che il giovane arrivò a Iolco, la notizia dell’uomo con un solo sandalo raggiunse rapidamente Pelias. Egli incontrò il giovane, che rivelò la sua identità e dichiarò la sua intenzione di riconquistare il trono di suo padre. Pelia aveva paura di uccidere Giasone, così gli chiese cosa avrebbe fatto con un uomo che era destinato ad ucciderlo. Giasone rispose dicendo che avrebbe chiesto all’uomo di recuperare il vello d’oro. (Il vello d’oro proveniva da un ariete d’oro magico che aveva salvato il giovane Phrixus dalla morte portandolo nella terra della Colchide. Una volta arrivati in Colchide, l’ariete disse a Phrixus di sacrificarlo e di appendere il vello in un boschetto sacro ad Ares, dove era custodito da un drago). Dopo aver sentito la risposta di Giasone, Pelia chiese a suo nipote di andare a prendere il vello in Colchide. Un’altra versione afferma che Pelia fu gentile con suo nipote e gli disse che l’oracolo di Delfi gli aveva detto che lo spirito disonorato di Phrixus doveva essere riportato in Tessaglia insieme al Vello per placare gli dei degli inferi [Pindaro]. In entrambi i casi, Giasone accettò di andare in Colchide e riportare il vello d’oro, e organizzò una spedizione che includeva alcuni dei più grandi eroi della Grecia di allora [vedi Argonauti].

Giasone e Medea

Gli Argonauti tornarono a Iolco con il vello d’oro, portando con sé la nuova moglie di Giasone, la principessa della Colchide, Medea (che era anche una strega). Giasone sospettava che suo zio non avrebbe consegnato la regalità, così il gruppo rimase fuori dalla città mentre cercava di capire cosa fare. Medea escogitò un piano per liberarli dal problema. Usando la sua magia, si travestì da vecchia e andò al palazzo, sostenendo di essere una sacerdotessa di Artemide che era venuta a ringiovanire il re. Quando si trasformò da vecchia nella sua vera forma giovanile, Pelias accettò di permetterle di riportargli la giovinezza. Medea disse alle sue figlie che dovevano tagliare il padre a pezzi e farlo bollire nel suo calderone, insieme ad alcune erbe magiche, affinché il processo funzionasse. Le ragazze erano naturalmente scettiche, ma Medea le convinse eseguendo la procedura su un montone. Quando un agnellino saltò fuori dal calderone, accettarono di tagliare il loro padre a pezzi. Naturalmente, quando le figlie di Pelias provarono questo, il loro padre ringiovanito non uscì dal calderone. Medea probabilmente “dimenticò” di mettere le erbe giuste nel calderone; in ogni caso, Peleo era morto.

Il figlio di Peleo, Acasto, che era uno degli Argonauti, divenne re alla morte del padre ed esiliò Giasone e Medea per la brutale uccisione del padre. Il re di Corinto, Creonte, offrì loro una casa nel suo regno a causa della fama che la spedizione di Argo aveva portato a Giasone. Lì vissero pacificamente per circa dieci anni ed ebbero due figli. Alla fine, però, Giasone si stancò di vivere con una strega barbara che non gli portava alcuna posizione sociale e Creonte offrì sua figlia, chiamata Glauce o Creusa, in sposa all’eroe. Giasone divorziò da Medea e sposò la principessa.

Medea era devastata e soprattutto arrabbiata per il tradimento. Dopo tutto, aveva aiutato Giasone a rubare il vello d’oro, lo aveva aiutato a tornare sano e salvo in Grecia, e lo aveva aiutato a punire Peleo per essersi impadronito del trono; gli aveva anche dato due figli, per perpetuare la sua linea. Ma Medea non era disposta a soffrire in silenzio; escogitò un piano per ferire Giasone in ogni modo possibile. Mandò i suoi figli a consegnare i regali di nozze per la principessa: un diadema e un bel vestito. Non appena la principessa li indossò, però, questi andarono in fiamme. Suo padre, sentendo le sue urla, corse ad aiutarla, ma una volta che l’ebbe toccata non riuscì a staccarsi, e bruciò vivo insieme a sua figlia. Anche i figli di Medea, poiché erano complici degli omicidi, erano in pericolo. Alcune versioni dicono che i Corinzi uccisero i ragazzi e più tardi gli spiriti dei bambini punirono la città per il loro omicidio, ma la versione più importante, resa popolare da Euripide, vede Medea stessa uccidere i bambini per vendicarsi del loro padre. Medea, che era la nipote di Elio, il sole, chiese e ricevette il carro di suo nonno (trainato da quattro cavalli alati) per aiutarla a fuggire. Medea volò ad Atene sul carro di Elio e andò a vivere con il re Egeo [vedi Teseo]. Alcuni resoconti dicono che Giasone si tolse la vita, ma la storia più popolare è che, molti anni dopo questi eventi, era seduto sotto le rovine in decomposizione dell’Argo, la nave che lo aveva reso così famoso, quando una trave della nave cadde e lo colpì alla testa, uccidendolo.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Come fa Medea a causare la morte di Pelia?

Morte di Pelia Quando Giasone e Medea tornano, Pelia si rifiuta ancora di rinunciare al suo trono. Medea ha cospirato per far sì che le figlie di Pelia (le Peliadi) lo uccidessero. Disse loro che poteva trasformare un vecchio ariete in un giovane ariete tagliando il vecchio ariete e facendolo bollire. … Pelias, naturalmente, non sopravvisse.

Cosa accadde a Pelia e chi ne fu responsabile?

Pelìa era il nipote dello zio di Phrixus. Lo zio era il re della Grecia, ma Pelia lo rovesciò, mandando via il legittimo erede al trono, Giasone.

Cosa fa Medea per Pelìa?

Più tardi la leggenda racconta che al ritorno di Giasone con il vello, sua moglie Medea, l’incantatrice, si vendicò di Pelia convincendo le sue figlie, tranne Alcestis, a tagliare e bollire il loro padre nella convinzione errata che avrebbe così recuperato la sua giovinezza.

Perché Medea ha ucciso suo fratello?

In quest’opera letteraria, Medea non è presentata come una donna potente che cerca giustizia, ma come una giovane donna disperatamente innamorata di Giasone. Così innamorata che decide di sfidare suo padre e di uccidere suo fratello per aiutarlo.

Medea uccide suo padre?

Medea uccide i suoi figli Medea, infuriata, manda un vestito e una coroncina ricoperti di veleno, causando la morte di Glauce e di suo padre. Poi uccise i suoi figli e fuggì ad Atene su un carro d’oro inviato da suo nonno, il dio Helios.

Cosa è successo al vello d’oro?

Aiete sacrificò l’ariete e appese il vello in un boschetto sacro sorvegliato da un drago, poiché un oracolo aveva predetto che Aiete avrebbe perso il suo regno se avesse perso il vello. Determinato a reclamare il suo trono, Giasone accetta di recuperare il vello d’oro. … All’insaputa di Giasone e del suo equipaggio, le donne hanno ucciso i loro mariti.

Perché Pelia voleva il vello d’oro?

Il motivo per cui Giasone aveva bisogno di trovare il vello d’oro in primo luogo è a causa dell’ordine dato da Pelias. Pelias ha avuto l’idea da Giasone, che ha conversato con lo zio su cosa avrebbe fatto per tenere lontano qualcuno. Giasone non si rese conto in quel momento che Pelia voleva liberarsi di Giasone per sempre.

Di cosa è il dio Peleo?

Peleo, nella mitologia greca, re dei Mirmidoni della Tessaglia; era più famoso come marito di Teti (una ninfa del mare) e padre dell’eroe Achille, al quale sopravvisse.

Cosa ha ucciso Eracle?

La morte di Ercole fu causata dal veleno dell’Idra di Lerne, ma avvenne molti anni dopo che egli uccise il mostro come una delle sue dodici fatiche. Riconoscendo la potenza del veleno del mostro, lo aveva usato per fare frecce avvelenate.

Chi è il padre di Medea?

Il re Eete
Medea era un’alta sacerdotessa, abile nell’arte della stregoneria. Suo padre, il re Eete, regnava sulla terra della Colchide.

Il vello d’oro è reale?

Gli abitanti del villaggio che raccoglievano l’oro nelle pelli di pecora hanno ispirato la leggenda del viaggio di Giasone. LA DESTINAZIONE DI GIASONE Il mito di Giasone e la ricerca del vello d’oro da parte degli Argonauti si basava su un viaggio reale in una regione vicino al Mar Nero, dove gli abitanti dei villaggi usavano pelli di pecora per catturare grani d’oro trasportati dai torrenti, come suggeriscono nuove prove.

A chi fu data la mela d’oro?

La mela doveva andare alla “Calliste” – che significa la più bella. Tre dee reclamarono la bella mela d’oro: Era, la dea del matrimonio, Atena, la dea della saggezza e Afrodite, la bellissima dea dell’amore, che era nata a Cipro.

Chi è l’eroe greco più forte?

Achille fu il guerriero più forte e impavido nella guerra greca contro i Troiani. Da bambino sua madre lo immerse nel fiume Stige, che lo rese invulnerabile ovunque tranne che sul tallone con cui lo teneva. Per dieci anni Achille fu un grande eroe nella guerra di Troia.

Chi era il dio più brutto?

Fatti su Efesto Efesto era l’unico dio brutto tra gli immortali perfettamente belli. Efesto nacque deforme e fu cacciato dal cielo da uno o entrambi i suoi genitori quando si accorsero che era imperfetto. Era l’operaio degli immortali: faceva le loro dimore, gli arredi e le armi.

Chi ha ucciso Zeus?

Nella mitologia greca, Zeus non viene ucciso affatto. Zeus è il re degli dei e delle dee greche, un ruolo che assume dopo aver sconfitto il proprio padre….

Articolo precedente

Cosa posso fare con l’argilla secca all’aria di Crayola?

Articolo successivo

Qual è un buon albero da regalare?

You might be interested in …