18 Novembre 2021
Expand search form

Qual è stato il risultato dell’Eureka Stockade?

Giuriamo sulla Croce del Sud di stare veramente l’uno accanto all’altro e di combattere per difendere i nostri diritti e le nostre libertà.

Giuramento di Eureka 1854

Galleria

Clicca su un’immagine per una visione più grande.

Gli Eureka Stockade Gardens commemorano la ribellione di Eureka, uno dei momenti politici e sociali più importanti dell’Australia e un evento che ha dato origine alla tradizione unica australiana del “fair go”.

Ingredienti per una ribellione

All’alba del 3 dicembre 1854 una forza governativa di soldati britannici e di polizia vittoriana attaccò un gruppo di minatori d’oro arrabbiati a Ballarat, Victoria.L’estrazione dell’oro a Eureka Lead, a Ballarat, iniziò nel 1852. Nel 1854 le fortune di Eureka Lead erano a un punto morto. I minatori dovevano scavare più a fondo e spendere di più per trovare l’oro, ma erano ancora limitati a rivendicazioni che erano troppo piccole per essere redditizie e dovevano prendere una costosa licenza mensile per l’oro, pagabile in anticipo sia che trovassero l’oro o no. Coloro che non avevano una licenza erano spietatamente “cacciati” dai commissari per l’oro e dalla polizia, molti dei quali si tingevano di meschina tirannia e corruzione.

La ribellione di Eureka fu alimentata dal malcontento per la licenza mineraria, che i minatori d’oro – o “scavatori”, come erano conosciuti – sostenevano fosse una tassazione senza rappresentanza e una tassa sul lavoro. I minatori erano anche scontenti di quello che consideravano un governo coloniale ingiusto e corrotto.

Il malcontento serpeggiava tra gli scavatori e si tenevano riunioni di protesta. Scelsero uno scavatore irlandese, Peter Lalor, come loro leader e diverse centinaia di scavatori presero le armi, giurando sotto la bandiera della Croce del Sud di combattere insieme per i loro diritti e la libertà. Una rozza palizzata costruita con legname da miniera fu costruita su una collina a Eureka Lead. All’interno di essa gli scavatori si esercitarono e raccolsero le armi allo scopo di respingere la prossima caccia alla licenza. Emissari furono mandati nei vicini campi d’oro, per chiamare altri cercatori alla lotta.

Il 3 dicembre 1854 una forza governativa di soldati britannici e di polizia vittoriana prese d’assalto la palizzata e ne seguì una battaglia durata meno di un’ora. Alla fine del conflitto 33 minatori e cinque soldati erano morti.

La ribellione portò a un sistema più equo per i campi auriferi, con la licenza sostituita dal più economico Diritto dei minatori, dando ai minatori il diritto di voto. Molti vedono questo atto come i primi passi sulla strada della democrazia in Australia.

Durante la battaglia Peter Lalor fu ferito e perse un braccio. Successivamente entrò nel Parlamento Vittoriano dove diede un contributo importante e successivamente servì come Speaker quasi fino alla sua morte. La sua vita rifletteva la storia di Eureka – di una coraggiosa opposizione ad un’amministrazione governativa oppressiva, e il successo nell’accedere al potere del governo per il bene dei suoi compagni.

L’eredità di Eureka

La ribellione di Eureka come evento storico è ben nota agli australiani. I principi che i minatori di Eureka difendevano – uguaglianza, trattamento equo da parte del governo e il diritto dei governati a partecipare al processo democratico – sono diventati sacri per gli australiani. Lo spirito di Eureka è spesso invocato come sinonimo di democrazia, e la bandiera di Eureka o Croce del Sud è un simbolo duraturo della democrazia australiana e dell’emancipazione sociale. Eureka è radicata nella cultura australiana attraverso la sua rappresentazione in prosa, poesia, arte, teatro e film.

La ribellione fu anche testimone dell’ormai famoso giuramento di Eureka pronunciato dal leader ribelle Peter Lalor nel suo discorso ai minatori nella Eureka Stockade, sotto quella che fu la prima apparizione della bandiera della Croce del Sud: “Giuriamo sulla Croce del Sud di stare veramente l’uno accanto all’altro, e di combattere per difendere i nostri diritti e libertà”.

Pochi eventi nella nostra storia possono eguagliare la ribellione di Eureka per i cambiamenti politici e sociali che ha portato e per la sua incarnazione delle caratteristiche australiane fondamentali di un ‘fair go’ per tutti e ‘mateship’.

Mentre ci sono poche o nessuna prova in superficie dell’evento che ebbe luogo a Ballarat, e mentre il luogo esatto non è concordato, gli Eureka Stockade Gardens sono di eccezionale valore patrimoniale per la nazione per la loro associazione con questo evento non comune e altamente significativo nel passato della nazione. Il luogo ha anche il potenziale per fornire prove archeologiche della ribellione del 1854.

L’inclusione degli Eureka Stockade Gardens nella Lista del Patrimonio Nazionale assicura che un momento unico e importante nel percorso dell’Australia verso una democrazia liberale sia ricordato e compreso dalle future generazioni di australiani.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Che cosa è successo in seguito alla palizzata di Eureka?

Alla fine del conflitto 33 minatori e cinque soldati erano morti. La ribellione portò a un sistema più equo per i campi auriferi, con la licenza sostituita dal più economico Diritto dei minatori, che dava ai minatori il diritto di voto. Molti vedono questo atto come i primi passi sulla strada della democrazia in Australia.

Quali diritti conquistarono gli Eureka Stockade?

La libertà di parola, il diritto di voto e l’uguaglianza politica furono i diritti fondamentali stabiliti da Eureka.

Quale fu la causa e l’effetto della Eureka Stockade?

La Eureka Stockade fu causata da un disaccordo su quelle che i minatori d’oro ritenevano essere leggi ingiuste e sul controllo del loro lavoro da parte del governo. I minatori non erano in grado di rivendicare la terra su cui lavoravano, e quindi rischiavano di essere trasferiti da un momento all’altro.

Quale impatto ebbe l’Eureka Stockade sulla democrazia australiana?

L’Eureka Stockade divenne una leggenda, non solo perché fu la nascita della democrazia australiana, ma per il coraggio e la determinazione degli scavatori e la loro volontà di difendere i loro diritti.

Quanti soldati morirono nell’Eureka Stockade?

Almeno 22 scavatori e sei soldati furono uccisi. La ribellione dei minatori a Eureka Stockade è un evento chiave nello sviluppo delle strutture rappresentative dell’Australia e degli atteggiamenti verso la democrazia e l’egualitarismo.

La Cina fu coinvolta nell’Eureka Stockade?

“È un cliché dopo l’altro, è ripugnantemente politicamente corretto”, ha dichiarato Germaine Greer su Critical Mass della ABC TV questa settimana. Come Greer ha sottolineato, non ci sono prove storiche di alcun cinese nella palizzata.

Perché la palizzata di Eureka è significativa per l’Australia?

Eureka Stockade, ribellione (3 dicembre 1854) in cui i cercatori d’oro di Ballarat, Victoria, Australia – che cercavano varie riforme, in particolare l’abolizione delle licenze minerarie – si scontrarono con le forze del governo. L’Eureka Stockade fu la ribellione più celebrata della storia australiana. …

Cosa rappresenta la bandiera di Eureka?

La bandiera Eureka è comunemente usata come simbolo di nazionalità e radicalismo. È usata da gruppi politici e radicali come simbolo di protesta a tutto tondo. La bandiera è stata usata come simbolo di gruppi di sinistra e di destra che vanno dai sindacati, ai nazionalisti, alle lobby anti-tasse, ai comunisti e ai neonazisti.

Dove si trovava la Eureka Stockade?

Ballarat Est
Ribellione di Eureka/Località

Chi è morto a Eureka?

Henry Christopher Wise, di soli 26 anni, nato a Roma e capitano del 40° reggimento morì 18 giorni dopo l’evento ed è sepolto al cimitero di Ballarat….Lista dei caduti di Eureka.REG NONAME3244CAPTAIN CHARLES ROSS3245JOHN HYNES3246PATRICK GITTENS3247MULLINS24 altre file

Chi morì durante l’Eureka Stockade?

Secondo il rapporto di Lalor, quattordici minatori (per lo più irlandesi) morirono all’interno della palizzata e altri otto morirono più tardi per le ferite riportate. Un’altra dozzina fu ferita ma si riprese.

Quanti soldati c’erano nella palizzata di Eureka?

La ribellione causò almeno 27 morti e molti feriti, la maggior parte delle vittime erano ribelli….Eureka RebellionStrength276190Casualties and losses6 killed22-60 killed (estimated) 12+ wounded 120+ captured6 more rows

Quando è avvenuta la ribellione di Eureka?

3 dicembre 1854
Ribellione di Eureka/Date di inizio

Perché i cinesi lasciarono la Cina?

Ondate di emigrazione cinese (note anche come diaspora cinese) si sono verificate nel corso della storia. L’emigrazione di massa, che si è verificata dal XIX secolo al 1949, è stata causata principalmente dalla corruzione, dalla fame e dalla guerra nella Cina continentale, e dalle opportunità economiche all’estero, come la corsa all’oro in California nel 1849.

Quali paesi sono stati coinvolti nella Battaglia di Eureka?

Culminò nella battaglia dell’Eureka Stockade, che fu combattuta tra i ribelli e le forze coloniali dell’Australia il 3 dicembre 1854 a Eureka Lead e prese il nome da una struttura della palizzata costruita dai minatori nel periodo precedente al conflitto.

Perché la gente sventola la bandiera dell’Eureka Stockade?

I minatori hanno sventolato la bandiera alla Eureka Stockade nel 1854 nella loro lotta contro le tasse sull’oro e le tasse di licenza. … “È stata scelta [la bandiera] perché è una rivisitazione di questo. “Noi agricoltori, proprio come i minatori, siamo stati effettivamente messi fuori gioco.”

La bandiera di Eureka è ancora usata oggi?

Fa parte della collezione dell’Art Gallery of Ballarat, che è responsabile della sua cura e conservazione. Dal 2013 è in prestito a lungo termine al centro interpretativo situato presso l’Eureka Stockade Memorial Park, dove rimane in esposizione pubblica.

Articolo precedente

Come si eseguono le protesi al seno?

Articolo successivo

L’uva è ricca di calorie e carboidrati?

You might be interested in …

Dov’è Caria?

Nell’antichità la costa e l’entroterra dell’Asia Minore erano divisi in province che dovevano le loro origini alla popolazione indigena o a popoli che l’avevano colonizzata da altre zone. In molti casi è difficile determinare se […]