17 Novembre 2021
Expand search form

Quali beni vengono prodotti in un’economia di comando?

Sistemi economici: Comando, mercato e misto

Il modo in cui una società risponde alle tre questioni economiche fondamentali è chiamato sistema economico. Più formalmente, un sistema economico è un processo o un meccanismo per rispondere alle tre domande fondamentali.

Possiamo classificare qualsiasi tipo di sistema economico in base a due caratteristiche: chi possiede le risorse? E chi risponde alle domande fondamentali?

Ci sono tre tipi principali di sistemi economici: comando, mercato e misto. Descriveremo brevemente ognuno di questi tre tipi.

Economia di comando

In un economia di comandoquali beni e servizi sono prodotti, come sono prodotti e per chi sono prodotti sono tutte domande a cui risponde la pianificazione del governo. Il governo prende decisioni economiche per il bene della società. In un’economia di comando pura, tutte le risorse sono di proprietà del governo, così il governo può indirizzarle a produrre ciò che è meglio per la società nel suo complesso, piuttosto che ciò che potrebbe essere nell’interesse degli individui privati. Così il governo possedeva la terra, il governo possedeva le imprese, e il governo diceva persino alle persone quali sarebbero state le loro occupazioni.

Storicamente, le economie di comando erano associate con un sistema politico noto come comunismo, dove gli obiettivi della società nel suo complesso erano prioritari rispetto a quelli individuali.

L’Unione Sovietica fino alla sua dissoluzione alla fine degli anni ’80 era un eccellente esempio di economia di comando. Cuba e la Corea del Nord sono buoni esempi nel mondo di oggi di economie di comando.

Uno dei maggiori cambiamenti nel mondo negli ultimi 15-20 anni è stata la caduta del comunismo e delle economie di comando. Il numero di economie di comando nel mondo è diminuito drasticamente nell’ultimo decennio.

Mentre l’obiettivo teorico di un’economia di comando è quello di utilizzare le risorse economiche per il bene dell’intera società, in pratica le economie di comando non lo facevano molto bene. In un’economia di comando, i produttori di proprietà del governo non possono fallire, quindi avevano pochi incentivi a produrre prodotti di qualità a basso costo. Poiché i privati non potevano possedere i mezzi di produzione, non avevano alcun incentivo a cercare modi migliori per servire i desideri dei consumatori. Invece di crescere e prosperare, le economie di comando erano tipicamente stagnanti.

Economia di mercato

In un mercato In un’economia di mercato, le risorse sono di proprietà di privati. I beni e i servizi che sono prodotti non sono determinati dal governo. Piuttosto, la produzione è determinata dalle imprese che rispondono ai desideri dei consumatori. (Questo processo avviene attraverso l’interazione della domanda e dell’offerta, di cui avremo molto di più da dire a partire dalla prossima settimana). I consumatori determinano ciò che sarà prodotto. (Potreste aver sentito l’espressione “sovranità del consumatore”, che suggerisce che in un’economia di mercato, i consumatori sono i re).

Adam Smith è spesso considerato il primo economista. Nel suo famoso libro pubblicato nel 1776, An Inquiry into the Nature and Causes of the Wealth of Nations (spesso indicato semplicemente come La ricchezza delle nazioni), Smith descrisse i vantaggi di un’economia di mercato. Smith disse che un’economia di mercato è controllata come da una mano invisibile I produttori producono le cose che i consumatori vogliono senza che il governo dica loro cosa fare. L’espressione mano invisibile suggerisce che se l’economia permette alle persone di perseguire i propri interessi individuali, il risultato sarà il migliore per la società nel suo complesso. I produttori che vogliono fare più profitto possibile dovranno produrre le cose che i consumatori vogliono. Il profitto è quindi un incentivo per i produttori a soddisfare i desideri dei consumatori.

I critici di un’economia di mercato sostengono che mentre potrebbe fare un buon lavoro nel rispondere alle prime due domande fondamentali (Cosa produrre, Come produrre), non fa così bene a rispondere alla terza domanda (Per chi produrre). I critici sostengono che i produttori soddisfano i desideri e le voglie dei consumatori che hanno il denaro per esprimere tali desideri e voglie, mentre le persone senza denaro non vengono servite. In un’economia di mercato, dicono i critici, ci può essere un ampio divario tra ricchi e poveri.

Economia mista

A economia mista è una miscela di economia di mercato ed economia di comando. In un’economia mista alcune parti o settori dell’economia sono lasciati alla proprietà privata (mercato) mentre in altri settori c’è una sostanziale proprietà del governo o una produzione diretta dal governo (comando). In un’economia mista, il governo interviene in quei settori in cui si ritiene che la proprietà privata non sia nel migliore interesse della società nel suo complesso. Per esempio, in un’economia mista il governo potrebbe controllare la produzione e la distribuzione dell’assistenza sanitaria (come in Gran Bretagna e Svezia). Le economie miste sono relativamente comuni in Europa occidentale, in paesi come Francia, Svezia e Italia.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quali sono tre esempi di economia di comando?

La Cina, la Corea del Nord e l’ex Unione Sovietica sono tutti esempi di economia di comando. In realtà, tutte le economie fondono qualche combinazione di economia di mercato ed economia di comando.

Quali beni e servizi devono essere prodotti?

I fattori di produzione sono risorse che sono i mattoni dell’economia; sono ciò che le persone usano per produrre beni e servizi. Gli economisti dividono i fattori di produzione in quattro categorie: terra, lavoro, capitale e imprenditorialità.

Qual è un esempio di un sistema economico a comando?

L’esempio più comune e rilevante di un’economia di comando è la Repubblica Cinese, dove dopo la seconda guerra mondiale il governatore del paese, Mao Tse Tueng, ha creato un’economia di comunismo.

La Corea del Nord è un’economia di comando?

Attraverso un emendamento costituzionale nel 2019, la Corea del Nord ha abolito il “sistema di lavoro Taean [alternativo]”, la dottrina della gestione economica delle imprese nell’era di un’economia controllata basata sul comando, e ha invece adottato “il sistema socialista di gestione aziendale responsabile”. Il nuovo sistema ha dato alle aziende effettive …

In che modo la Cina è un’economia di comando?

Dalla sua fondazione nel 1949 e fino alla fine del 1978, la Cina ha mantenuto un’economia pianificata centralmente, o di comando. Lo stato dirigeva e controllava una grande parte della produzione economica del paese; lo stato fissava gli obiettivi di produzione, controllava i prezzi e assegnava le risorse nella maggior parte dell’economia.

Cos’è il sistema economico a comando?

Un’economia di comando è quella in cui un governo centrale prende tutte le decisioni economiche. Il governo o un collettivo possiede la terra e i mezzi di produzione. Non si basa sulle leggi della domanda e dell’offerta che operano in un’economia di mercato.

Per quanto tempo la Cina è stata un’economia di comando?

Dalla sua fondazione nel 1949 e fino alla fine del 1978, la Cina ha mantenuto un’economia pianificata centralmente, o di comando. Lo stato dirigeva e controllava una grande parte della produzione economica del paese; lo stato fissava gli obiettivi di produzione, controllava i prezzi e assegnava le risorse nella maggior parte dell’economia.

Perché la Corea del Nord è un’economia di comando?

La Corea del Nord è un’economia di comando perché il governo controlla ogni aspetto dell’economia della nazione, compresi i salari e i prezzi.

La Corea del Nord è un paese ricco?

La Corea del Nord ha avuto un PIL pro capite simile a quello della vicina Corea del Sud dall’indomani della guerra di Corea fino alla metà degli anni ’70, ma ha avuto un PIL pro capite di meno di 2.000 dollari alla fine degli anni ’90 e all’inizio del XXI secolo. Per il 2018, la Banca di Corea ha stimato la crescita del PIL a -4,1%.

Perché la Cina è un’economia di comando?

Dalla sua istituzione nel 1949 e fino alla fine del 1978, la Cina ha mantenuto un’economia pianificata a livello centrale, o di comando. … Poiché i sistemi economici di pianificazione centrale e le politiche economiche del governo ponevano poca enfasi sulla redditività o sulla concorrenza, l’economia del paese era relativamente stagnante e inefficiente.

Qual è l’importanza dell’economia di comando?

I vantaggi dell’economia di comando includono bassi livelli di disuguaglianza e disoccupazione, e l’obiettivo comune di sostituire il profitto come incentivo primario della produzione.

La Corea del Nord è un paese di successo?

A partire dal 2021, la Corea del Nord continua la sua adesione di base a un’economia di comando centralizzata. … La Corea del Nord ha avuto un PIL pro capite simile a quello della vicina Corea del Sud dall’indomani della guerra di Corea fino alla metà degli anni ’70, ma ha avuto un PIL pro capite di meno di 2.000 dollari alla fine degli anni ’90 e all’inizio del XXI secolo.

Perché la Corea del Nord è così povera?

La povertà in Corea è stata attribuita al cattivo governo del regime totalitario. Si stima che il 60% della popolazione totale della Corea del Nord vivrà sotto la soglia di povertà nel 2020.

Perché la Corea del Nord è un paese a comando?

La Corea del Nord è un’economia di comando perché il governo controlla ogni aspetto dell’economia della nazione, compresi i salari e i prezzi.

Chi beneficia di un’economia di comando?

I vantaggi dell’economia di comando includono bassi livelli di disuguaglianza e disoccupazione, e l’obiettivo comune di sostituire il profitto come incentivo primario della produzione. Gli svantaggi dell’economia di comando includono la mancanza di concorrenza e la mancanza di efficienza.

Articolo precedente

Come si toglie il nastro adesivo dal pavimento?

Articolo successivo

Come si esce da un loop?

You might be interested in …