15 Dicembre 2021
Expand search form

Quali due proteine sono incorporate nella membrana plasmatica?

Quasi un terzo di tutte le proteine negli esseri viventi sono saldamente incorporate in una biomembrana – o nella membrana esterna di una cellula o nei confini dei compartimenti cellulari interni. Lì, queste proteine di membrana svolgono compiti importanti, servendo, per esempio, come canali molecolari per il trasporto di metaboliti e nutrienti attraverso la membrana o come proteine sensore per il rilevamento dell’ambiente cellulare.

Un team di ricercatori guidato da Daniel J. Müller, professore presso il Dipartimento di Scienze e Ingegneria dei Biosistemi dell’ETH di Zurigo a Basilea, ha ora studiato come le proteine di membrana riescono ad entrare nelle membrane. Per fare questo, hanno usato un metodo altamente preciso che permette loro di estrarre singole proteine dalle membrane o di depositarle su di esse. Questo metodo, noto come spettroscopia di forza a singola molecola, permette agli scienziati di guidare con la massima precisione un cantilever controllato dal computer che misura solo pochi nanometri di spessore in un punto specifico della superficie di una membrana. Le forze adesive molecolari fanno sì che una proteina situata lì aderisca al cantilever.

Ruolo di due proteine aiutanti

In esperimenti con proteine batteriche, i ricercatori sono stati in grado di chiarire il ruolo di due proteine aiutanti — una insertasi e una translocasi — che permettono alle proteine di membrana di incorporarsi nella membrana. L’insertasi è una singola proteina, mentre la translocasi è un complesso composto da più proteine. Entrambe assicurano l’apertura di un poro nella membrana. “Nel caso dell’insertasi, possiamo pensare a questo poro come a un vetrino. La proteina di membrana è inizialmente presente come un filamento peptidico non strutturato che scivola lungo questo vetrino nella membrana. Nella membrana, questo filamento peptidico assume poi la sua forma funzionale tridimensionale”, spiega il professor Müller dell’ETH. “Una volta che la proteina di membrana è diventata tridimensionale con successo e si è incorporata nella membrana, la proteina aiutante si stacca e forma un vetrino in un punto diverso della membrana per la proteina successiva”, continua.

Fino ad ora, la ricerca su come queste proteine helper funzionano era imprecisa e utilizzava solo brevi peptidi o era condotta solo al di fuori delle biomembrane. “Abbiamo ora osservato e descritto per la prima volta, passo dopo passo, come un’intera proteina si incorpora in una membrana e assume una forma tridimensionale”, dice Tetiana Serdiuk, un postdoc nel gruppo del professor Müller dell’ETH e primo autore dello studio.

I ricercatori dell’ETH sono stati anche in grado di mostrare le differenze nel funzionamento delle insertasi e delle translocasi: le insertasi inseriscono filamenti peptidici nella membrana in modo relativamente rapido ma goffo. “Questo significa che funzionano bene soprattutto con piccole proteine”, dice Müller. Le translocasi, d’altra parte, inseriscono i filamenti peptidici nella membrana sezione per sezione, rendendoli più adatti per le proteine più complesse.

Importante per la medicina

Questo studio è un caso di classica ricerca di base, che è particolarmente significativo in vista dell’importanza delle proteine di membrana per la medicina, come sottolinea Müller: “Circa la metà di tutti i farmaci agiscono sulle proteine di membrana, e abbiamo bisogno di capire come queste proteine di membrana si formano e come funzionano”.

Inoltre, la spettroscopia di forza monomolecolare, che gli scienziati dell’ETH hanno ulteriormente raffinato per questo studio, potrebbe essere utilizzata in altre applicazioni: in connessione con il Centro Nazionale di Competenza nella Ricerca (NCCR) per l’Ingegneria dei Sistemi Molecolari, Müller e altri scienziati stanno lavorando per sviluppare cellule biologiche artificiali. “Questo metodo potrebbe essere usato per adattare le biomembrane alle proteine, essenzialmente programmandole”, dice il professore dell’ETH. “Le cellule artificiali di questo tipo potrebbero un giorno essere utilizzate come fabbriche molecolari per produrre farmaci su scala industriale”.

Potresti essere interessato anche agli argomenti

Quali sono i due tipi di proteine incorporate nella membrana?

Secondo il loro rapporto con il bilayer, le proteine integrali di membrana possono essere classificate due tipi primari: le proteine integrali politopiche e le proteine integrali monotopiche.

Quali sono 2 cose che fanno le proteine della membrana cellulare?

Per esempio, le proteine della membrana plasmatica svolgono funzioni diverse come il trasporto di nutrienti attraverso la membrana plasmatica, la ricezione di segnali chimici dall’esterno della cellula, la traduzione di segnali chimici in azioni intracellulari e, a volte, l’ancoraggio della cellula in una particolare posizione (Figura 4).

La membrana plasmatica ha proteine incorporate?

Come tutte le altre membrane cellulari, la membrana plasmatica è composta da lipidi e proteine. Le proteine incorporate nel bilayer fosfolipidico svolgono le funzioni specifiche della membrana plasmatica, compreso il trasporto selettivo di molecole e il riconoscimento cellula-cellula.

Perché le proteine sono incorporate nella membrana plasmatica?

Le proteine di membrana integrale sono permanentemente incorporate nella membrana plasmatica. Hanno una serie di funzioni importanti. Tali funzioni includono la canalizzazione o il trasporto di molecole attraverso la membrana. Altre proteine integrali agiscono come recettori cellulari.

Quali tipi di proteine si trovano nella membrana cellulare?

Le proteine sono il secondo componente principale delle membrane plasmatiche. Ci sono due categorie principali di proteine di membrana: integrali e periferiche. Immagine di una proteina transmembrana a singolo passaggio con una singola elica alfa che attraversa la membrana e una proteina transmembrana a tre passaggi con tre eliche alfa che attraversano la membrana.

Le proteine di membrana si muovono?

Nel caso delle proteine di membrana, esse sono in grado di subire un movimento rotazionale e laterale. Tuttavia, non c’è movimento trasversale delle proteine tra i foglietti. Le proteine di membrana intrinseche sono strettamente incorporate nel nucleo idrofobico, mentre le proteine di membrana estrinseche si associano al loro foglietto richiesto.

Come sono incorporate le proteine nella membrana cellulare?

Le proteine integrali che contengono domini α-elici che attraversano la membrana sono incorporate nelle membrane tramite interazioni idrofobiche con l’interno lipidico del bilayer e probabilmente anche tramite interazioni ioniche con i gruppi polari di testa dei fosfolipidi.

Perché la membrana plasmatica è selettivamente permeabile?

La membrana è selettivamente permeabile perché le sostanze non la attraversano indiscriminatamente. Alcune molecole, come gli idrocarburi e l’ossigeno possono attraversare la membrana. … Le proteine di trasporto rendono possibile il passaggio di molecole e ioni che non sarebbero in grado di passare attraverso un semplice strato fosfolipidico.

Perché le proteine non possono passare attraverso la membrana cellulare?

Le proteine non possono diffondere passivamente attraverso la membrana cellulare a causa della loro dimensione e polarità. Quindi, è sempre necessario un sistema o una tecnica di consegna, simile alla trasfezione dell’acido nucleico.

Quali sono i tre tipi di proteine?

Le tre strutture delle proteine sono fibrosa, globulare e di membrana, che possono anche essere suddivise in base alla funzione di ogni proteina. Continua a leggere per esempi di proteine in ogni categoria e in quali alimenti puoi trovarle.

Dove si trovano le proteine nella membrana cellulare?

I componenti della membrana plasmaticaComponenteLocalizzazione Proteine integraliIntegraliIntegrate nel doppio strato fosfolipidico; possono estendersi o meno attraverso entrambi gli stratiProteine perifericheSulla superficie interna o esterna del doppio strato fosfolipidico, ma non incorporate nel suo nucleo idrofobico3 altre righe

Cosa può e cosa non può passare attraverso la membrana cellulare?

Le membrane cellulari servono come barriere e guardiani. Sono semi-permeabili, il che significa che alcune molecole possono diffondere attraverso il doppio strato lipidico, ma altre no. Piccole molecole idrofobiche e gas come l’ossigeno e l’anidride carbonica attraversano rapidamente le membrane.

Perché la membrana plasmatica è chiamata una membrana selettivamente permeabile risposta molto breve?

Soluzione : La membrana cellulare è uno strato molto sottile di proteine e di grasso. Permette solo a sostanze selettive di passare attraverso di essa, quindi è chiamata una membrana selettivamente permeabile.

Quali fattori influenzano la permeabilità della membrana plasmatica?

Posted Apr 22, 2021. La permeabilità di una membrana è influenzata dalla temperatura, dai tipi di soluti presenti e dal livello di idratazione delle cellule. L’aumento della temperatura rende la membrana più instabile e molto fluida. Diminuendo la temperatura, la membrana rallenta.

Perché la membrana plasmatica è chiamata selettivamente membrana?

La membrana plasmatica è chiamata una membrana selettivamente permeabile in quanto permette il movimento solo di alcune molecole dentro e fuori le cellule. … Poiché la membrana plasmatica agisce come una barriera meccanica, lo scambio di materiale dall’ambiente circostante tramite osmosi o diffusione in una cellula non avrà luogo.

Articolo precedente

Quanti anni ha la Missione Carmel?

Articolo successivo

Come si cambia il regolatore di uno scaldabagno a gas?

You might be interested in …