4 Dicembre 2021
Expand search form

Quali stati attraversarono il Sentiero delle Lacrime?

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l’articolo.

Sentiero delle lacrime

Sentiero delle lacrimeNella storia degli Stati Uniti, il trasferimento forzato durante gli anni 1830 degli indiani delle foreste orientali della regione sud-orientale degli Stati Uniti (tra cui Cherokee, Creek, Chickasaw, Choctaw e Seminole, tra le altre nazioni) nel territorio indiano a ovest del fiume Mississippi. Stime basate su registri tribali e militari suggeriscono che circa 100.000 indigeni furono costretti a lasciare le loro case durante quel periodo, che è talvolta noto come l’era della rimozione, e che circa 15.000 morirono durante il viaggio verso ovest. Il termine Trail of Tears invoca la sofferenza collettiva che queste persone hanno sperimentato, anche se è più comunemente usato in riferimento alle esperienze di rimozione degli indiani del sud-est in generale e della nazione Cherokee in particolare. Il percorso fisico consisteva in diverse vie terrestri e una via d’acqua principale e, con il passaggio dell’Omnibus Public Lands Management Act nel 2009, si estendeva per circa 5.045 miglia (circa 8.120 km) attraverso porzioni di nove stati (Alabama, Arkansas, Georgia, Illinois, Kentucky, Missouri, North Carolina, Oklahoma e Tennessee).

Le radici del trasferimento forzato affondano nell’avidità. La Proclamazione britannica del 1763 designò la regione tra i Monti Appalachi e il fiume Mississippi come Territorio Indiano. Anche se quella regione doveva essere protetta per l’uso esclusivo delle popolazioni indigene, un gran numero di speculatori e coloni euro-americani entrarono presto. Per la maggior parte, i governi britannico e, più tardi, statunitense, ignorarono questi atti di sconfinamento.

Currier & Ives: Le Montagne Rocciose: Emigranti che attraversano le pianure

Nel 1829 ci fu una corsa all’oro sulla terra dei Cherokee in Georgia. Erano in gioco enormi quantità di ricchezza: al loro picco, le miniere della Georgia producevano circa 300 once d’oro al giorno. Gli speculatori terrieri richiesero presto che il Congresso degli Stati Uniti devolvesse agli stati il controllo di tutte le proprietà immobiliari possedute dalle tribù e dai loro membri. Questa posizione fu sostenuta dal presidente Andrew Jackson, che era egli stesso un avido speculatore. Il Congresso si adeguò approvando l’Indian Removal Act (1830). L’atto autorizzava il presidente a negoziare con le nazioni orientali per effettuare il loro trasferimento in tratti di terra a ovest del Mississippi e forniva circa 500.000 dollari per il trasporto e per il risarcimento dei proprietari terrieri nativi. Jackson ribadì il suo sostegno all’atto in vari messaggi al Congresso, in particolare “On Indian Removal” (1830) e “A Permanent Habitation for the American Indians” (1835), che illuminavano le sue giustificazioni politiche per la rimozione e descrivevano alcuni dei risultati che si aspettava sarebbero derivati dal processo di trasferimento.

Le reazioni degli indigeni all’Indian Removal Act furono diverse. Gli indiani del sud-est erano per la maggior parte strettamente organizzati e pesantemente investiti nell’agricoltura. Le fattorie delle tribù più popolose – Choctaw, Creek, Chickasaw, Seminole e Cherokee – erano particolarmente ambite dai forestieri perché si trovavano in aree agricole di prima qualità ed erano molto ben sviluppate. Questo significava che gli speculatori che acquistavano tali proprietà potevano immediatamente trarre un profitto: i campi erano già stati disboscati, i pascoli recintati, i granai e le case costruite, e così via. Così, le tribù del sud-est si avvicinarono ai negoziati federali con l’obiettivo di ottenere il rimborso o la protezione degli investimenti dei loro membri.

Movimento dei nativi americani dopo l'Indian Removal Act degli Stati Uniti

I Choctaw furono il primo popolo a portare a termine i negoziati: nel 1830 accettarono di cedere le loro proprietà immobiliari in cambio di terre occidentali, il trasporto per loro stessi e per le loro merci, e il supporto logistico durante e dopo il viaggio. Tuttavia, il governo federale non aveva esperienza nel trasporto di un gran numero di civili, per non parlare dei loro effetti personali, delle attrezzature agricole e del bestiame. L’inettitudine burocratica e la corruzione causarono la morte di molti Choctaw per esposizione, malnutrizione, esaurimento e malattie durante il viaggio.

I Chickasaw firmarono un accordo iniziale di rimozione già nel 1830, ma i negoziati non furono finalizzati fino al 1832. Scettici di fronte alle garanzie federali sul rimborso delle loro proprietà, i membri della nazione Chickasaw vendettero le loro proprietà terriere con profitto e finanziarono il loro stesso trasporto. Come risultato, il loro viaggio, che ebbe luogo nel 1837, ebbe meno problemi di quelli delle altre tribù del sud-est.

Anche i Creek finalizzarono un accordo di rimozione nel 1832. Tuttavia, i coloni euro-americani e gli speculatori si trasferirono prematuramente nelle cessioni Creek pianificate, causando conflitti, ritardi e vendite fraudolente di terre che ritardarono il viaggio dei Creek fino al 1836. Le autorità federali ancora una volta si dimostrarono incompetenti e corrotte, e molti Creek morirono, spesso per le stesse cause prevenibili che avevano ucciso i viaggiatori Choctaw.

Un piccolo gruppo di leader Seminole negoziò un accordo di rimozione nel 1832, ma la maggioranza della tribù protestò che i firmatari non avevano l’autorità di rappresentarli. Gli Stati Uniti insistettero che l’accordo dovesse reggere, istigando una resistenza così feroce alla rimozione che il conflitto che ne seguì divenne noto come la Seconda Guerra Seminole (1835-42). Anche se molti furono alla fine catturati e rimossi verso l’ovest, un numero consistente di Seminole riuscì ad eludere le autorità e a rimanere in Florida.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

In quale stato iniziò il Sentiero delle Lacrime?

Al momento della rimozione, i Cherokee erano principalmente in Georgia, anche se le terre della tribù si estendevano in Alabama, Tennessee, North Carolina e altri stati. A New Echota, in Georgia, la fazione pro-trattato dei Cherokee firmò la cessione delle terre Cherokee in Appalachia e iniziò il processo di rimozione.

Quanti stati copriva il Sentiero delle Lacrime?

nove stati
Il Sentiero delle Lacrime è lungo oltre 5.043 miglia e copre nove stati: Alabama, Arkansas, Georgia, Illinois, Kentucky, Missouri, North Carolina, Oklahoma e Tennessee.

Dove si trova il Trail of Tears?

Stati Uniti sud-orientali
Sentiero delle Lacrime/Posizione

La Via delle Lacrime è passata attraverso la Florida?

Il Sentiero delle Lacrime dei Seminole risale al 1817, quando le truppe statunitensi invasero le terre tribali nella Florida di proprietà spagnola, alla ricerca di schiavi fuggiti. Le truppe guidate dal gen. Andrew Jackson distrussero i villaggi e i raccolti Seminole. … I coloni guadagnarono un forte sostenitore quando Jackson fu eletto presidente nel 1828.

Quanti Creek morirono nel Sentiero delle Lacrime?

Tra il 1830 e il 1850, circa 100.000 indiani d’America che vivevano tra il Michigan, la Louisiana e la Florida si spostarono verso ovest dopo che il governo degli Stati Uniti aveva forzato dei trattati o usato l’esercito americano contro quelli che resistevano. Molti furono trattati brutalmente. Si stima che 3.500 Creek morirono in Alabama e nel loro viaggio verso ovest.

Quanti morirono sulla Via delle Lacrime?

Almeno 3.000 nativi americani morirono sulla Via delle Lacrime. Scopri sette fatti su questo infame capitolo della storia americana. Gli indiani Cherokee sono costretti a lasciare le loro terre d’origine durante il 1830.

Quale tribù indiana era la più aggressiva?

I Comanche, conosciuti come i “Signori delle Pianure”, erano considerati forse le tribù indiane più pericolose dell’epoca della frontiera. Una delle storie più avvincenti del selvaggio West è il rapimento di Cynthia Ann Parker, la madre di Quanah, che fu rapita a 9 anni dai Comanche e assimilata alla tribù.

Quale presidente firmò l’Indian Removal Act?

Il presidente Andrew Jackson
L’Indian Removal Act fu firmato in legge dal presidente Andrew Jackson il 28 maggio 1830, autorizzando il presidente a concedere terre a ovest del Mississippi in cambio di terre indiane entro i confini statali esistenti.

Quanto tempo ci volle per percorrere il Sentiero delle Lacrime?

Alla fine ci vollero quasi tre mesi per attraversare le 60 miglia (97 chilometri) di terra tra i fiumi Ohio e Mississippi. Il viaggio attraverso l’Illinois meridionale è il luogo in cui i Cherokee subirono la maggior parte delle loro morti.

Quale presidente firmò la legge sulla rimozione degli indiani?

Il presidente Andrew Jackson
L’Indian Removal Act fu firmato in legge dal presidente Andrew Jackson il 28 maggio 1830, autorizzando il presidente a concedere terre a ovest del Mississippi in cambio di terre indiane entro i confini statali esistenti. Alcune tribù andarono pacificamente, ma molte resistettero alla politica di trasferimento.

Chi è l’indiano Cherokee più famoso?

Tra i Cherokee più famosi della storia: Sequoyah (1767-1843), leader e inventore del sistema di scrittura Cherokee che portò la tribù da un gruppo analfabeta a uno dei popoli più istruiti del paese durante l’inizio e la metà del 1800. Will Rogers (1879-1935), famoso giornalista e intrattenitore.

Quale fu uno dei motivi principali per l’atto di rimozione degli indiani del 1830?

Un motivo importante per l’Indian Removal Act del 1830 fu la sentenza della Corte Suprema nel 1823 di Johnson contro M’Intosh.

Quale tribù indiana ha fatto più scalpi?

Gli indiani Apache e Comanche erano entrambi popolari tra i cacciatori di scalpi. Un cacciatore di taglie nel 1847 rivendicò 487 scalpi Apache, secondo l’articolo di Madley. John Glanton, un fuorilegge che fece una fortuna prendendo lo scalpo agli indiani in Messico, fu sorpreso a consegnare gli scalpi e scappò negli Stati Uniti prima di essere catturato.

Quale tribù di nativi americani è la più povera?

Allen, South Dakota, nella Pine Ridge Reservation, ha il più basso reddito pro capite del paese….Tassi di povertà nelle dieci maggiori riserve.ReservationCheyenne River Indian ReservationLocationSouth DakotaTasso di povertà (famiglie con bambini)42,3Tasso di povertà (individui)38,510 altre colonne

In che modo l’Indian Removal Act violava la Costituzione?

Nel 1828, Jackson fu eletto presidente. … Jackson appoggiò un disegno di legge sulla rimozione degli indiani al Congresso. Membri del Congresso come Davy Crockett sostennero che Jackson violava la Costituzione rifiutando di applicare i trattati che garantivano i diritti delle terre indiane.

Chi è la tribù indiana più ricca?

gli Shakopee Mdewakanton
Oggi si ritiene che gli Shakopee Mdewakanton siano la tribù più ricca della storia americana in base alla ricchezza personale individuale: Ogni adulto, secondo i registri del tribunale e confermato da un membro della tribù, riceve un pagamento mensile di circa 84.000 dollari, o 1,08 milioni di dollari all’anno.

Articolo precedente

Cosa si intende per lisciviazione spiegare con un esempio?

Articolo successivo

I rododendri sono difficili da coltivare?

You might be interested in …