7 Febbraio 2022
Expand search form

Su quale guerra si basa Via col vento?

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l’articolo.

Via col vento

Via col ventoFilm epico americano, uscito nel 1939, che è stato uno dei film più conosciuti e di maggior successo di tutti i tempi. Ha goduto di un regno di più di 30 anni come campione di incassi di tutti i tempi a Hollywood, e ha vinto otto premi Oscar (oltre a due premi onorari). Basato sul romanzo best-seller del 1936 Via col vento di Margaret Mitchell, il film è lungo quasi quattro ore e include un intervallo.

Il film, ambientato nel Sud americano durante il periodo della guerra civile, racconta la storia di Rossella O’Hara (interpretata da Vivien Leigh), la figlia testarda e ostinata del proprietario della piantagione Tara. La storia inizia nel 1861. Rossella è innamorata di Ashley Wilkes (Leslie Howard), ma viene a sapere che lui intende sposare sua cugina Melanie Hamilton (Olivia de Havilland). Ad una festa a casa di Ashley, le proposte di Rossella ad Ashley sono viste da un altro ospite, Rhett Butler (Clark Gable). Ashley respinge Rossella, che accetta quindi di sposare il fratello di Melanie, Charles (Rand Brooks). Viene dichiarata la guerra e gli uomini vanno ad arruolarsi. Charles muore di morbillo durante la guerra, e la vedova Rossella va a casa di Melanie ad Atlanta. Incontra Rhett a un bazar di beneficenza e balla con lui, violando le consuete regole del lutto. Rhett, un corridore di blocco di successo, continua a visitare Scarlett nei mesi successivi, mentre Atlanta è sempre più sotto assedio. Ashley torna a casa per una licenza natalizia e chiede a Rossella di prendersi cura di Melanie, che è incinta. Melanie entra in travaglio mentre Atlanta viene evacuata, e Rossella e la sua serva Prissy (Butterfly McQueen) devono assistere al parto da sole. Rossella chiama Rhett per riportare lei, Melanie, Prissy e il bambino a Tara, e fuggono attraverso la città in fiamme, solo per scoprire che Tara è stata saccheggiata dai soldati dell’Unione. La madre di Rossella è morta e suo padre è caduto in depressione. Le uniche persone rimaste sono suo padre, le sue sorelle e gli ex schiavi Mammy (Hattie McDaniel) e Pork (Oscar Polk).

Clark Gable in Via col vento

Via col vento

John Barrymore e Greta Garbo in

Nella seconda metà del film, Rossella cerca di far risorgere Tara. Lei, le sue sorelle e i domestici lavorano nei campi. Ashley torna quando la guerra finisce ma non è in grado di offrire a Rossella un aiuto per pagare le esorbitanti tasse della Ricostruzione. Rossella decide di chiedere soldi a Rhett, e lei e Mammy costruiscono un vestito di tende di velluto da indossare per incontrare Rhett. Tuttavia, Rhett è diventato prigioniero dell’Unione e non può aiutarla. In preda alla disperazione, Rossella sposa il ricco spasimante di sua sorella, Frank (Carroll Nye). Lei usa i suoi soldi per salvare Tara e poi fonda un’azienda di legname ad Atlanta. Dopo che Rossella viene attaccata mentre viaggia in carrozza vicino a una baraccopoli, Frank, Ashley e altri uomini attaccano la baraccopoli e Frank viene ucciso nel raid. Rhett sposa Rossella e hanno una figlia, ma Rossella continua a struggersi per Ashley e il matrimonio è burrascoso. La loro figlia muore dopo essere stata gettata da un pony, e più tardi Melanie muore di parto. Rossella capisce che Ashley ama solo Melanie e che lei ama Rhett, ma Rhett la rifiuta e la lascia sola a Tara con le parole: “Francamente, mia cara, non me ne frega niente”.

Hattie McDaniel, Olivia de Havilland e Vivien Leigh in

Il produttore del film, David O. Selznick, comprò i diritti del film un mese dopo la pubblicazione del romanzo di Mitchell. Diversi ruoli nel film, in particolare quello di Rossella, hanno comportato lunghe ricerche ed elaborati accordi. Ben cinque registi e 13 scrittori hanno lavorato per dare vita all’epopea. Le riprese del film durarono 140 giorni. La famosa scena del “rogo di Atlanta” ha richiesto la distruzione infuocata di un lotto posteriore di 30 acri. Tre giorni di festeggiamenti furono tenuti per la prima del film ad Atlanta. Via col vento fu il primo film a colori a vincere l’Oscar per il miglior film, e Hattie McDaniel fu la prima afroamericana ad essere nominata e a vincere un Oscar.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Via col vento era basato su una storia vera?

Basato sul best-seller di Margaret Mitchell del 1936, “Via col vento” è finzione, su una viziata socialite del vecchio sud, Rossella O’Hara. Ma la guerra della vita reale che fa da sfondo alla sua storia incombe troppo grande nel film perché molti la trascurino.

Su cosa era basato Via col vento?

Via col vento è basato su un romanzo del 1936 di Margaret Mitchell. La Mitchell era una specie di Rossella O’Hara della vita reale, nata da una ricca famiglia della Georgia con un nonno che aveva servito nella Guerra Civile. Come la O’Hara, anche Mitchell sfidò le norme sociali dopo essere stato coinvolto in un triangolo amoroso.

Come ritrae Via col vento la Guerra Civile?

Copre la Guerra Civile e l’era della Ricostruzione dal punto di vista di una debuttante del Sud in Georgia. … Via col Vento fornisce una visione romantica del Sud durante la Guerra Civile. La schiavitù è mostrata in una luce positiva e il film è simpatico alla causa confederata.

Qual è il significato della Guerra Civile in Via col Vento?

Questo è parte di esso. Quindi, cosa c’è di giusto e di sbagliato in Via col vento riguardo alla Guerra Civile? La cosa giusta è che la guerra fu una crisi esistenziale per molte persone nel Sud. Questo creò una vera opportunità per la “causa persa” – i propagandisti entrarono e usarono quella crisi per i loro scopi.

Perché Via col Vento fu un tale successo?

Nel corso dei suoi 75 anni, “Via col vento” ha visto sia lodi che polemiche. La rappresentazione della schiavitù nel film, insieme a una scena che coinvolge quello che molti ritengono essere uno stupro coniugale, sono stati esaminati da critici e fan. … In effetti, il film è persino diventato una specie di attrazione turistica.

È vero che il Vecchio Sud era Via col Vento dopo la Guerra Civile?

Ancora oggi, Via col vento, nonostante le sue molte inesattezze storiche, costituisce la base della memoria popolare americana del vecchio Sud. Ci sono stati molti racconti del Vecchio Sud negli anni successivi alla Guerra Civile, ma il racconto di Margaret Mitchell è quello che è più profondamente radicato nella cultura americana.

Perché Via col vento è stato rimosso?

Ambientato all’epoca della Guerra Civile, il film è stato rimosso dalla piattaforma di streaming più di due settimane fa dopo che lo sceneggiatore John Ridley ha chiamato il film per aver romanticizzato le rappresentazioni della schiavitù e perpetuato “stereotipi dolorosi delle persone di colore”.

Perché Via col vento è stato bandito?

‘Via col vento’ è stato ritirato dalla HBO Max a causa delle rappresentazioni razziste degli schiavi. Rettificato per l’inflazione, Via col vento è il film che ha incassato di più nella storia del cinema. … Il film è anche ambientato nel Sud, però, e la sua rappresentazione del Sud prima della guerra è stata molto esaminata negli ultimi anni.

Qual è la scena più famosa del film Via col vento?

Il 27 giugno 1939 viene girata una delle scene più famose della storia del cinema: Rhett Butler e Rossella O’Hara che si separano in Via col vento.

Perché si chiama Via col vento?

Via col vento, … Rossella O’Hara usa la frase del titolo quando si chiede se la sua casa in una piantagione chiamata “Tara” è ancora in piedi, o se è “andata con il vento che ha spazzato la Georgia”. In senso generale, il titolo è una metafora della scomparsa di un modo di vivere nel Sud prima della guerra civile.

Perché “gone with the wind” è stato bandito?

‘Via col vento’ è stato ritirato dalla HBO Max a causa delle rappresentazioni razziste degli schiavi. Rettificato per l’inflazione, Via col vento è il film che ha incassato di più nella storia del cinema. … Il film è anche ambientato nel Sud, però, e la sua rappresentazione del Sud prima della guerra è stata molto esaminata negli ultimi anni.

Qual era la famosa battuta di Rossella O Hara?

Altre storie di Andy Lewis. Se la censura cinematografica avesse avuto la meglio, la battuta più famosa di Via col vento – le ultime parole che Rhett Butler dice a Rossella O’Hara – avrebbe potuto essere questa: “Francamente, mia cara, non me ne frega niente”.

Perché Via col vento era così popolare?

Via col Vento fu immensamente popolare quando uscì. Divenne il film di maggior incasso realizzato fino a quel momento, e mantenne il record per oltre un quarto di secolo. Una volta aggiustato per l’inflazione monetaria, è ancora il film che ha incassato di più nella storia….Gone with the Wind (film)Via col ventoBox office>$390 milioni16 altre file

Cosa è stato rimosso da HBO Max?

Altri film degni di nota che hanno lasciato HBO Max includono cinque film di A Nightmare on Elm Street, una versione alternativa di Argo di Ben Affleck, vincitore del miglior film, la sottovalutata commedia romantica di John Cusack e Julia Roberts America’s Sweethearts, Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick, i film di Kill Bill, il terrificante thriller Michael …

Cosa dice Rossella O’Hara alla fine del film?

Nella scena finale di Via col vento, vincitore dell’Oscar nel 1939, la bella del sud Rossella O’Hara (Vivien Leigh) è lasciata in piedi nel salone della sua villa dopo che Rhett Butler (Clark Gable) l’ha abbandonata con un colpo di spugna: “Francamente, mia cara, non me ne frega niente”.

Articolo precedente

Il colostro è meglio del latte materno?

Articolo successivo

Quanto di più si può prendere in prestito con un garante?

You might be interested in …